Ècomodo, il 1°sistema per il bucato

Il bucato come nelle sale operatorie, senza più detersivi né RESIDUI CHIMICI

Mariano Barone,30 anni di Riccione, sta portando nel Lazio Ècomodo, il 1°?sistema per il bucato senza detersivi, brevettato in Italia e in Europa
< >

Informazione Pubblicitaria

Arriva anche in casa tua la tecnologia delle migliori lavanderie industriali. 
Pulisce e sanifica con l’ossigeno attivo e la sola acqua fredda e si ripaga da sé.

Quante ore a separare i capi per fare il bucato? E con tutto quell'arsenale di prodotti chimici, devi comunque stare attento. Il maglione si può infeltrire, i tessuti possono stingere e rovinare l'intero carico. E alla lunga detersivi e additivi deteriorano i tuoi capi. Non solo: il profumo che senti sul tuo abbigliamento è la conferma che tu e i tuoi cari avete addosso i residui di sostanze tossiche. Rimangono a contatto con la pelle, che è porosa e assorbe. Ma poi... sei sicuro che batteri, muffe, funghi e virus non restino sugli indumenti? C'è una piccola rivoluzione, dalle grandi potenzialità. In altre zone d'Italia è già arrivata e sta avendo un ottimo successo, anche tra le lavanderie professionali: permette di lavare e sanificare con sola acqua fredda. Ora sbarca nel Lazio.

I RISCHI DEL BUCATO ‘CHIMICO’
Ma prima di vedere come funziona questo sistema, è giusto sapere perché il bucato tradizionale in lavatrice ha gravi criticità. Sì è vero: anche i detersivi a loro volta hanno rivoluzionato e alleggerito le fatiche domestiche. Ma purtroppo hanno significative controindicazioni.

Non solo perché finiscono in mare e nelle falde acquifere. I loro residui penetrano nel nostro corpo attraverso la  pelle. Sono 900 le sostanze chimiche, anche molto aggressive, utilizzate nelle formule dei detersivi. 600 sono considerate molto nocive per la nostra salute. Nel caso dei neonati e bebè, il rischio aumenta: mettono tutto in bocca. Anche se tieni i prodotti fuori dalla loro portata, vi entrano in contatto attraverso vestitini, asciugamani, bavaglini.

LA SCIENZA AVVERTE
La ricerca mette in guardia su dermatiti e altre reazioni allergiche causate da metalli pesanti e altre sostanze contenute nei prodotti per lavatrice. Uno studio della University of Southern Denmark avverte: “I detergenti sono coinvolti nel causare dermatiti e nel promuovere l'assorbimento cutaneo di sostanze chimiche”. Parliamo di: fosfati, sodium lauryl sulfate e sodium lauryl ether sulfate, formaldeide, cloro, solfato d'ammonio, diossano, igienizzanti quaternari all'ammonio, nonilfenolo etossilati, coloranti artificiali, benzil acetato, diclorobenzene... Oltre a metalli pesanti come nichel, cromo, cobalto, piombo e cadmio. Roba classificata spesso come cancerogena o probabile cancerogena. Vere micro-bombe chimiche che però non riescono ad eliminare certi nemici invisibili...

BATTERI, MUFFE E VIRUS
... La maggior parte di batteri, virus e muffe rimane lì. Anzi, calore e umidità della lavatrice gli offrono un habitat ottimale per proliferare. E si crea cattivo odore nel cestello che poi passa sui panni. Ma oggi possiamo avere un bucato oltre che pulito, anche davvero sanificato.

BIANCO? PU0' ESSERE UNA ILLUSIONE OTTICA!
Molti non sanno che il “bianco” può essere un'illusione visiva: gli sbiancanti ottici, i classici elimina-macchie, in realtà non tolgono lo sporco ma lo mascherano. Come? Modificano la lunghezza d'onda dei raggi UV. Si crea così una patina azzurrognola che riflette la luce visibile dall'occhio umano, facendola percepire come bianca. Gli ammorbidenti, poi, danno sì morbidezza e tanto profumo. Peccato che lasciano una patina e al lavaggio successivo il detersivo diventa meno efficace. La profumazione artificiale più che altro copre il cattivo odore, invece di eliminarlo alla radice. La ricerca scientifica ha dimostrato che i profumi chimici dei detersivi emettono sostanze inquinanti pericolose nell'aria, con irritazione degli occhi e delle vie respiratorie, dermatite da contatto, emicrania e reazioni asmatiche. Questo succede a quasi l'11% delle persone (prof Anne Steinemamm, Università di Washington). Tutto ciò oggi scompare grazie a qualcosa che forse tutti abbiamo sentito: il famoso “ossigeno attivo” delle pubblicità proprio dei detersivi. Ma pochi sanno che si può utilizzare senza gli effetti collaterali dei detersivi...

IL POTERE DELL’OZONO: 52% PIÙ POTENTE DEL CLORO
«Tecnicamente si chiama ozono – spiega Mariano Barone –, e lo utilizzano nelle sale operatorie, ma pure nelle migliori lavanderie professionali e nei grandi hotel. È uno dei disinfettanti più potenti, abbatte la carica batterica e microbica. Però non lascia residui nocivi». Pochi mesi fa l'Istituto superiore di sanità ha affermato che “è disponibile un’ampia base di dati che ne conferma l’efficacia microbicida anche sui virus”.

Per l'Organizzazione mondiale della sanità “l'ozono è il disinfettante più efficace per tutti i tipi di microrganismi”. «L'acqua ozonizzata - spiega Barone - è il 52% più forte del cloro, batte di molto la varechina, senza lasciare puzza. In soli 20 minuti ritorna ossigeno,  innocuo e inodore, come quello che respiriamo».
L'apparecchio che ora Mariano Barone sta portando nel Lazio è classificato dal Ministero della Salute come “dispositivo medico” tra le “apparecchiature per lavaggio e disinfezione”».

Si chiama ÈCOMODO e si installa in 5 minuti. Ma attenzione: non è solo un ozonizzatore.

GLI ALTRI 2 PROCESSI. SANIFICA E TOGLIE GLI ODORI
Spiega ancora Barone: «Questo apparecchio pulisce e disinfetta anche con altri 2 processi. Uno agli ioni d'argento, utilizzati anche sulle ferite, e l’altro  a raggi ultravioletti,  impiegati anche nei depuratori più avanzati».
Ulteriore effetto finora irraggiungibile: elimina gli odori in modo naturale, anziché coprirli artificialmente. E poi la evita brutte sorprese...

LAVI TUTTO INSIEME E RISPARMI TEMPO PIÙ SOLDI
... Puoi lavare insieme tutti i capi e la biancheria in tutta tranquillità: restano come appena comprati! E oltre al tempo prezioso risparmi anche soldi. «Considerando l’abbattimento dei consumi di acqua ed elettricità, si può stimare un risparmio medio di 400 euro l'anno – ragiona Mariano Barone -, ma il risparmio può essere maggiore. In ogni caso, l'effetto è lo stesso: si risparmia e si ha – senza effetti collaterali - un servizio impagabile: vera igiene che i lavaggi tradizionali non possono dare». L'ISTAT rileva che in media ogni famiglia italiana spende in un anno tra i 211 e i 228 euro in detersivi, ammorbidenti e di igienizzanti.

PERCHé SI RIPAGA DA SOLO
Il lavaggio avviene con la semplice acqua fredda. Non sarà più necessatio comprare i detersivi, né l'anticalcare né i fazzolettini salva-colore. «In più, la lavatrice consumerà meno acqua e meno elettricità – sottolinea Mariano Barone – dato che il ciclo sarà più breve, non essendo necessario il risciacquo per togliere  detersivi e additivi». I lavaggi tradizionali consumano tra i 1600 e i 2500 watt, invece con ÈCOMODO solo 100, in media. Con tutti questi risparmi, questa nuova tecnologia per la vera igiene, si ripaga da sola!

I TESSUTI E LA LAVATRICE DURANO DI PIÙ. PERCHÉ?
I panni non vengono più aggrediti da agenti chimici e di conseguenza durano più a lungo. Ma dura di più anche la lavatrice. «Grazie a un acceleratore ionico – conclude Barone -, ÈCOMODO rompe le molecole dei sali duri (ioni di calcio e magnesio). E così il calcare sottoforma di calcite diventa aragonite, una polvere finissima che non si attacca alla serpentina che riscalda l'acqua, ma rimane in sospensione e viene espulsa con lo scarico».

ÈCOMODO non è uno dei vari progetti copiati e decorati con il tricolore ma fatti chissà dove... ÈCOMODO è davvero Made in Italy al 100%, in ogni singolo componente.

Per scoprirne i risultati c’è un solo modo, gratuito e senza il benché minimo rischio: vederlo all’opera sulla tua lavatrice con una dimostrazione. Chiama ora Mariano Barone - Per la dimostrazione gratutita NUMERO VERDE 800.19.89.64

Chiedi subito la DIMOSTRAZIONE GRATUITA

Chiama ora Mariano Barone NUMERO VERDE 800.19.89.64 [email protected]
Potrai vedere coi tuoi occhi come ÈCOMODO lava, deodora e sanifica i tuoi panni, nella tua lavatrice solo con acqua fredda e senza detersivi. 

 

Pubbliredazionale