artrosi, nuova cura senza dolore

Le infiltrazioni con acido ialuronico “ibrido” danno benefici maggiori

Dottor Luca Tafuro Medico Chirurgo, specialista in Ortopedia e Traumatologia
< >

Informazione Pubblicitaria

Che cos’è l’artrosi?
L’artrosi è una malattia degenerativa progressiva che colpisce gran parte delle articolazioni del corpo umano, in particolare anca e ginocchio, dovuta a modificazioni della cartilagine articolare, che con il passare degli anni si usura creando forte attrito all’interno dell’articolazione con notevole dolore, gonfiore e perdita di movimento.
Lo stadio iniziale dell’artrosi è la condropatia, cioè, più in generale, una sofferenza della cartilagine dovuta ad usura o a precedenti traumi.
La cartilagine è una specie di cuscinetto che insieme al liquido sinoviale ha un effetto anti-shock.
Il liquido sinoviale ha funzione ammortizzante e nutriente e facilita lo scorrimento tra le due superfici articolari. 

Quali sono le cure oggi a disposizione?
Le terapie non chirurgiche attualmente più diffuse sono farmacologiche o fisioterapiche, mirate alla diminuzione dell’infiammazione articolare e al mantenimento del movimento, ma le cure più efficaci si basano su infiltrazioni intrarticolari a base di cortisonici o acido ialuronico. 
Il cortisone, pur avendo una potente azione antinfiammatoria, non garantisce risultati biologici apprezzabili a lungo termine e non è privo di effetti collaterali.
La terapia infiltrativa si basa sulla possibilità di poter re-integrare l’acido ialuronico endogeno articolare con infiltrazioni intra-articolari di condroprotettori.

Ci sono delle novità riguardo le cure infiltrative?
La novità nel campo infiltrativo riguarda l’introduzione di un acido ialuronico “ibrido” ottenuto combinando una miscela di alto e basso peso molecolare di acido ialuronico puro a lento rilascio nel quale le catene interagiscono tra loro permettendo, con la stessa viscosità, di infiltrare concentrazioni maggiori di acido ialuronico che resiste maggiormente all’interno dell’articolazione essendo più resistente alla degradazione naturale.
Possiede inoltre un’ottima manegevolezza ed è molto efficace anche nelle piccole articolazioni della mano e del piede.

Quali sono i vantaggi di questa nuova cura?
In sintesi i vantaggi del nuovo acido ialuronico ibrido sono:
• concentrazione altissima 3,2% 64 mg
• effetto sinergico antinfiammatorio, biologico e lubrificante
• lento rilascio
• possibilità di infiltrare piccole articolazioni 
• compatibilità con altre procedure

Il trattamento dell’artrosi moderata-grave con acido ialuronico ibrido, ha dimostrato una indubbia efficacia clinica, migliorando sensibilmente la funzionalità dell’articolazione trattata e diminuendo il dolore nel breve-medio termine.
La manegevolezza del prodotto consente inoltre un trattamento semplice con infiltrazioni non dolorose in assenza di effetti collaterali significativi.

Dott. Luca Tafuro
• Ciampino: Via 4 Novembre, 80 
tel. 3477839129

• Velletri: presso il C.O.F. Via degli Atlantici, 21  - tel. 069636510
Castel di Leva: Via Casale Radicelli, 21 - tel. 3477839129
 

Pubbliredazionale