Alla sala conferenze di Benito al Bosco

Velletri, l'incontro tra l'Avis e i medici di famiglia FOTO

Velletri, grande partecipazione ieri sera all'incontro presso la sala convegni dell'Hotel "Benito al Bosco" dal tema "L'Avis incontra i medici di famiglia".

La sezione Avis veliterna ha incontrato per la prima volta i medici di famiglia. «È stato un momento conviviale e di fattiva collaborazione, fondamentale per instaurare un rapporto di collaborazione, nell'ambito delle nuove normative sanitarie a garanzia e tutela del paziente e la salvaguardia dello stato di salute del Donatore, al pari di chi riceve il sangue» ha detto ringraziando i presenti, il presidente Avis Velletri Luciano Rutigliano.

Ad organizzare la serata, lo staff locale e il vice presidente Mauro Castrichella. Sono intervenuti anche il sindaco di Velletri Orlando Pocci, l'assessore Francesco Cavola, l'ispettrice della polizia locale Emanuela Moauro, la tenente Maria Francesca Lattarulo, comandante della Sezione Operativa della guardia di finanza veliterna e vice comandante della compagnia, alcuni rappresentanti di Telethon, la professoressa Daniela Pace, endocrinologa, esperta di malattie tiroidali, diversi medici di famiglia, alcuni imprenditori locali, la dottoressa Costa responsabile del centro trasfusionale della Asl Roma 6 ed altri esperti in campo medico come il cardiologo Anastasi, ex primario dell'ospedale veliterno e il dottor Porta, apprezzato radiologo interventista di Lariano, che hanno evidenziato gli oltre duemila esami diagnostici operati tra elettrocardiogrammi ed ecografie.

L'Avis di Velletri, che ha compiuto ben 64 anni di età, ed ha sempre portato ogni anno grandi numeri, come raccolta sangue, esami diagnostici, visite mediche ai donatori, ed è nota anche e soprattutto per i tanti volontari donatori con migliaia di associati (3.800 ultimo dato dicembre 2020) ogni anno che donano il sangue. La conferenza è stata anche l'occasione per fare il punto della situazione e mostrare tramite dei video e delle foto sul mega schermo il grande lavoro svolto negli anni.

«In questi giorni è partito il nuovo progetto per siglare un protocollo di intesa con tutti i medici di famiglia del territorio per una fattiva collaborazione, al fine sempre di migliorare i nostri servizi e tutelare chi dona e chi riceve il sangue, che deve essere sempre la priorità», ha detto lo storico presidente della sezione veliterna dell'Avis Luciano Rutigliano, esperto analista biochimico, «ringraziamo anche il sindaco Pocci, che questa sera ci ha anticipato la disponibilità ad assegnare alla nostra associazione una ben più grande sede, rispetto a quella odierna di via Bruno Buozzi, nella palazzina polifunzionale, di via Lata, una volta finiti i lavori di sistemazione, si spera in un arco di tempo non superiore ad un anno».






Miliardi per le piccole-medie attività
foto anteprima I fondi pubblici ci sono, le richieste no!