Nettuno, il raggiro fino ad Aprilia

Ladro di biciclette elettriche e monopattini truffa il venditore, poi li rivende

Truffa il venditore di una costosa bicicletta elettrica e poi la rivende. È scattata così la denuncia per un 34enne di Nettuno, ritenuto responsabile di questo episodio e di altri furti di biciclette e monopattini elettrici. La truffa è arrivata fino ad Aprilia, dove un ignaro acquirente ha scoperto di aver comprato un mezzo rubato.

LADRO DI BICI E MONOPATTINI, CON UNO STRATAGEMMA SE LI PORTA VIA

Una tecnica collaudata, quella del 34enne di Nettuno che, fingendosi interessato all’acquisto di una bici elettrica di ultima generazione messa in vendita da un inserzionista privato, si è presentato all’appuntamento a Roma e, pretendendo di provare la seduta, una volta in sella si è dato alla fuga facendo rimanere di stucco il malcapitato.

Una dinamica quasi identica a quella ricostruita per altri furti simili a Roma, con almeno due vittime che si sono viste portare via il monopattino sotto il naso.

LADRO DI BICICLETTE INCASTRATO DALLA VIDEOSORVEGLIANZA

Fondamentale per gli inquirenti la tempestività con cui la vittima ha denunciato l’accaduto. Questo ha permesso agli agenti della polizia giudiziaria del commissariato Vescovio di visionare le immagini di alcune telecamere di sorveglianza, posizionate non distanti dal luogo dei fatti, che hanno immortalato il ladro di biciclette in fuga.

Gli agenti sono riusciti così ad identificarlo grazie alla comparazione delle immagini con altre in loro possesso, che ritraevano sempre lo stesso soggetto mentre rubava un monopattino nelle zona del centro storico di Roma.

IL LADRO AVEVA RIVENDUTO LA BICI ELETTRICA RUBATA

Gli investigatori, a quel punto, richiesto e ottenuto il mandato per effettuare una perquisizione presso l’abitazione del malvivente, durante il sopralluogo hanno rinvenuto e acquisito un documento che comprova la compravendita della costosa bicicletta a un ignaro acquirente, rintracciato ad Aprilia. Anche questo è stato raggiunto e, suo malgrado, si è visto sequestrare la bici, poi riconsegnata al legittimo proprietario.










Contenuto Sponsorizzato