Nel giardino Rodari

Pomezia, scritte naziste e svastiche sulle giostrine dei bambini. Insorge l'Anpi

Scritte che inneggiano al nazismo e ad Hitler sui giochi per bambini. Succede a Pomezia, nel parco pubblico intitolato a Gianni Rodari, dove le giostrine che si trovano davanti a una scuola dell'infanzia sono state vandalizzate con disegni di svastiche e frasi deprecabili.

POMEZIA: SCRITTE NAZISTE NEL PARCO DEI BAMBINI, INSORGE L'ANPI

L'episodio, che è avvenuto nel quartiere Nuova Lavinium di Pomezia, molto popoloso e soprattutto pieno di scuole, non è passato inosservato. La sezione Anpi pometina ha diramato un comunicato stampa in cui chiede l'immediata cancellazione di quelle scritte.

"Come sezione dell’ANPI di Pomezia ne chiediamo l’immediata rimozione e intendiamo esprimere la nostra indignazione - afferma la presidente, Francesca Gatto - Non possiamo accettare silentemente che le giostre dei giardini pubblici, in cui decine di bambini giocano ogni giorno, vengano deturpate con scritte neonaziste".

ANPI: "CHIEDIAMO L'INTERVENTO DEL COMUNE DI POMEZIA"

"Ci auguriamo che il Comune di Pomezia intervenga prontamente nella pulizia di quel parco perché tutto ciò danneggia l’immagine del territorio e porta, in modo diseducativo, all’interno di spazi ludici le pagine più atroci della nostra storia - continua Gatto - L’evento che stiamo denunciando ci fa capire quanto sia importante continuare a lavorare sul territorio e a far sentire la nostra presenza. Ringraziamo per le segnalazioni e invitiamo la cittadinanza a rimanere vigile per arginare la deriva sociale che alcuni gruppi intendono subdolamente promuovere".


Contenuto Sponsorizzato





























Contenuto Sponsorizzato