A Villa Ferraioli ad Albano

Il giorno dell'orgoglio, un convegno per ricordare il rastrellamento di Roma

Si è tenuto questa mattina, il convegno dal tema "Il Giorno dell'Orgoglio" all'aperto nel piazzale del Museo Civico a Villa Ferraioli ad Albano, alla presenza delle autorità politiche, del sindaco di Albano Borelli, dei professori e degli studenti del liceo Foscolo e del commerciale Pertini. Un partecipato e interessante incontro, organizzato dall'ex sindaca di Albano Ada Scalchi, presidente dell'Associazione Vittime del Bombardamento di Propaganda Fide,  per ricordare il rastrellamento degli ebrei nel ghetto di Roma con la successiva rappresaglia e uccisione delle fosse ardeatine nel 1943, al quale partecipò anche il gerarca nazista Erik Priebke. E' stato ricordato anche quel 15 ottobre del 2013 quanto la salma del gerarca nazista arrivò ad Albano per il funerale, che fu impedito dal sindaco di allora Nicola Marini e dalle forze anti fasciste con una giornata memorabile fatta di scontri e tensioni in via Trilussa, dove presso un istituto di religiosi tedeschi dovevano tenersi le esequie, poi rimandate dopo solo una semplice benedizione esterna vicino al feretro che ripartì alla volta dell'aeroporto di Pratica di Mare per dirigersi per la sepoltura in un carcere della Sardegna isolato.

La Giornata dell'Orgoglio è stata organizzata con gli interventi del sindaco Massimiliano Borelli (nel 2013 era presidente del consiglio comunale) del sindaco di allora Nicola Marini, del foto giornalista Luciano Sciurba, che immortalò quella lunga giornata immemorabile, il professor Ugo Mancini, docente di storia e filosofia del Foscolo di Albano e il professor A. Sportelli, autore del libro "L' ordine è già stato eseguito". Molto attenti e interessati i ragazzi del Foscolo e del Pertini del terzo, quarto e quinto anno che stanno partecipando a dei lavori nelle loro scuole su questi argomenti storici. 










Contenuto Sponsorizzato