Latina, partono gli interventi

Allagamenti in via Gorgolicino: lavori urgenti al via. Il proprietario si scusa FOTO

Foto di Gruppo Passo Genovese OdV - Protezione Civile
Foto di Gruppo Passo Genovese OdV - Protezione Civile
< >

Il Comune di Latina ha disposto una serie di provvedimenti a carico del proprietario del terreno adiacente Via Gorgolicino, posto in corrispondenza del sottopasso dove nei giorni scorsi si è verificato uno smottamento che ha provocato l’allagamento e la conseguente chiusura della strada. Provvedimenti atti alla messa in sicurezza della zona, prevedendo in particolare: la realizzazione di una canalina di scolo, il ripristino della scolina adiacente la SS 148 Pontina, la verifica, a mezzo di un tecnico qualificato e abilitato all’esercizio della professione, della tenuta e della stabilità delle parti di terreno che presentano condizioni di scivolamento, anche potenziale che potrebbe coinvolgere anche altre parti del terreno in oggetto (la verifica dovrà essere effettuata nel termine massimo di 10 giorni e dovranno essere rimesse al Comune le risultanze degli accertamenti), l’esecuzione immediata dei lavori ritenuti dal tecnico urgenti e indifferibili per l’eliminazione del pericolo, la presentazione al Servizio Politiche di Gestione e Assetto del Territorio del Comune nel termine massimo di 30 giorni dalla data di ultimazione dei lavori, anche se eseguiti al solo fine della eliminazione dei pericoli, di una relazione descrittiva dell’intervento effettuato comprovante la totale osservanza degli adempimenti imposti.

«Si ricorda che - fa sapere il Comune - lo smottamento del terreno che aveva provocato l’allagamento e la conseguente chiusura della strada, è avvenuto dopo che il capoluogo è stato interessato da un serie di forti rovesci temporaleschi. I successivi accertamenti hanno consentito di appurare che il terreno prospiciente Via Gorgolicino in prossimità del sottopasso della Pontina era stato recentemente interessato da lavori di pulizia, livellamento e riporto di terreno che avevano modificato lo stato dei luoghi. Da lì era scattato il sequestro dell’area e la chiusura della strada».

Nel frattempo il proprietario dell'area ha replicato con un post su Facebook scusandosi con i cittadini. «Sono il responsabile del disagio causato, in questi giorni, dal fango scivolato a ridosso del sottopassaggio in via Gorgolicino, mi scuso con gli abitanti del quartiere, gli automobilisti e le istituzioni per tale inconveniente, su una strada tanto importante per la nostra Città. Questa mia denuncia è contro nessuno, i problemi accadono e vanno affrontati, cercando il buon senso senza tante scartoffie che trasformano un problema in un caso da prima pagina, con tante inesattezza e persino ipotesi strampalate».