L'iter partito nel 2007 e fermo dal 2014

Più vicino il trasferimento del mercato settimanale di Aprilia verso il cimitero

Va verso la conclusione l’iter per spostare il mercato settimanale di Aprilia tra via Cattaneo, via Pirandello, via Deledda e via Leopardi. Un percorso iniziato nel 2007 e interrotto nel 2014.

Il Comune di Aprilia ha trasmesso alla Direzione Regionale Urbanistica della Regione Lazio il parere favorevole di compatibilità geomorfologica e idoneità territoriale ottenuto in merito al Programma Integrato di Intervento relativo all’area compresa. L’atto sancisce la fine del lungo iter del Programma Integrato che riorganizzerà l’area del mercato settimanale, un percorso avviato nel 2007 e interrotto già nel 2014 con la richiesta di riformulazione del progetto da parte della Regione Lazio, per la presenza del vincolo cimiteriale, per verificare la quantificazione delle opere in perequazione e per l’espletamento delle procedure di Valutazione Ambientale Strategica.

Dopo aver ripreso il suo corso, il procedimento si era nuovamente interrotto nel 2019 proprio per la mancanza del parere favorevole di compatibilità geomorfologica e idoneità territoriale sugli strumenti urbanistici in esame.

«L’atto consente di sbloccare una vicenda antica, che non poteva che esser portata a compimento – commenta l’assessore all’Urbanistica Omar Ruberti – Il Programma Integrato pensato nel 2016 per l’area compresa tra via Cattaneo, via Pirandello, via Deledda e via Leopardi, che vedeva il Comune tra i proponenti, consentirà a fronte dei nuovi insediamenti residenziali previsti di ottenere un’area di 33.277mq dedicata al mercato settimanale. Dopo le terme di Fossignano e i primi Sistemi della Variante di Recupero dei nuclei spontanei, una dopo l’altra, stiamo chiudendo annose vicende rimaste sospese, che in questa fase necessitano secondo me di esser risolte e portate a compimento, scongiurando ulteriori temporeggiamenti dannosi per la Città».






Miliardi per le piccole-medie attività
foto anteprima I fondi pubblici ci sono, le richieste no!
























Contenuto Sponsorizzato