Gravi disagi per chi deve andare a Roma

Treni in tilt dopo il fulmine: odissea dei pendolari, pochi bus sostitutivi

Dopo il fulmine, arriva il “buio” per i pendolari della Roma Nettuno. Brutta mattinata dopo che una cabina elettrica a Torricola è stata messa fuori uso durante il temporale di ieri notte. «Nella fascia delle 7, in cui disponiamo di 4 treni da 1.300 posti – racconta una pendolare diretta a Roma -, Trenitalia ha inviato ad Aprilia solo 2 bus sostitutivi da meno di 50 posti, sui quali non ci hanno fatto salire tutti, per lasciare qualche posto ai pendolari di Campoleone... e sulla Nettunense dalle 7,10 alle 8 non è passato nessun bus Cotral per Eur Laurentina». Stando alla ricostruzione di chi stamattina presto doveva prendere il treno ad Aprila, il resoconto è molto critico: «Alle 8 in stazione di Aprilia è arrivato un bus che abbiamo riempito al netto di 5 posti, lasciati liberi per caricare 5 pendolari a Campoleone. Quando a Campoleone invece c'era un bus integrativo Cotral vuoto che faceva servizio. Risultato: alle 7:15 arrivo alla stazione, non mi fanno salire sulla navetta, attendo la successiva alle 8, arriviamo a Campoleone alle 8,20. A lavoro, se va bene, arriverò alle 10,30. Buttato 90 minuti di permesso. Riassumendo: fascia ore 7 = 2 navette, fascia ore 8 = 1 navetta fascia ore 9 = 2 navette». La stessa situazione si registra alla stazione di Latina.

Altri messaggi di pendolari riportano una situazione di forte disagio: «Volevo segnalare che stamattina con il primo treno da Minturno e arrivo a Latina ore 05.00 circa 70 persone non hanno potuto usufruire del servizio sostitutivo dei bus perché c'erano solo 4 bus e un quinto era fermo senza conducente… totalmente assente personale di Trenitalia».

Il ripristino del regolare traffico ferroviario sulle due linee - la Roma-Nettuno e la Roma-Napoli - è previsto per venerdì 8 ottobre. L'auspicio è che nel frattempo i pendolari possano essere serviti adeguatamente dagli autobus sostitutivi. 

 






Miliardi per le piccole-medie attività
foto anteprima I fondi pubblici ci sono, le richieste no!
























Contenuto Sponsorizzato