Drammatici retroscena

Zodiaco, bolletta da 40mila per i proprietari di Anzio ma le case erano occupate

Nonostante l’occupazione abusiva delle palazzine allo Zodiaco ad Anzio,nonostante le denunce, una situazione drammatica nota a tutti, nonostante fosse noto che i proprietari delle abitazioni non avevano il possesso né l’utilizzo delle abitazioni in via del Leone, Acqualatina ha continuato ad erogare il servizio idrico e a inviare le bollette. La Spa ha chiesto ai proprietari le cui case erano occupate la somma record di 40mila euro di consumi. Ovviamente l’acqua era utilizzata dagli occupanti abusivi, rom, stranieri, extracomunitari che a pagare le bollette non ci pensavano proprio. A nulla sono valse le richieste continue da parte dell’Amministratore condominiale, inviate tramite pec e tramite avvocato, di interrompere il servizio per evitare la beffa di un danno gravissimo, come l’occupazione della propria abitazione, accompagnato dal dover sostenere i costi delle utenze degli occupanti. Ma il distacco richiesto non c’è mai stato e i contatori hanno continuato a girare. Ora, anche su questa vicenda, è in corso una contesa legale. E mentre si tira un sospiro di sollievo per la legalità ripristinata, non si può non guardare al passato e alle tante questioni da risolvere.