Aprilia, "garantire la salute altrui"

Multiservizi sospende due operatrici no vax. Il tribunale dà ragione all'azienda

Due dipendenti della Multiservizi di Aprilia dovranno vaccinarsi: fino ad allora saranno sospese dal lavoro, senza stipendio. Il tribunale del lavoro di Latina ha dato ragione all’azienda speciale del Comune di Aprilia che ha imposto il vaccino a tutte le operatrici a contatto con soggetti fragili. Una linea che due lavoratrici non hanno condiviso, essendo contrarie all’obbligo vaccinale, presentando ricorso in tribunale. Il giudice nel dispositivo ha fatto notare come “il lavoratore ha senz’altro il diritto alla libertà di cura, costituzionalmente tutelato, ma deve essere altresì garantita la salute e l’incolumità altrui, parimenti tutelata dalla Carta Costituzionale ex art. 2, trattandosi della salute e della sicurezza dei colleghi, dei terzi che non possono sottoporsi al vaccino o per i quali il vaccino non è ancora accessibile”.

















«Avanti sulla scorta della continuità»
Provincia di Latina, Vulcano presidente al posto di Medici