Sul posto protezione civile e pompieri

Il fuoco divora i castagni sul monte Artemisio: soccorsi al lavoro da ieri

Si preannuncia molto difficile spegnere l'incendio scoppiato ieri su Monte Artemisio a Velletri, zona Fontana Marcaccio, località Ferrari dove ancora sono accesi una decina di focolai all'interno di alberi che hanno preso fuoco, soprattutto castagni secolari. Stanno continuando le operazioni di spegnimento con sganci dal canadair, ma serviranno altri mezzi antincendio per spegnere il fuoco, cosa che ancora non è stato possibile fare. Con il vento e le forti temperature c'è il rischio che il fuoco possa continuare ancora per diverse ore a bruciare la folta vegetazione: sono andati a fuoco circa 100 ettari di bosco puro e rischiano di andare a fuoco decine e decine di alberi di castagno. Sul posto ci sono diversi mezzi della protezione civile comunale e dell'ass. Gamma Velletri, un'autobotte dei vigili del fuoco di Tivoli per incendi boschivi. Si stava pensando di intervenire con mezzi antincendio fuoristrada con moduli di acqua come carico, per cercare di spegnere le fiamme salendo direttamente sulle strade sterrate, poiché le ceppare sono piene di brace e fumo e potrebbero far ripartire l'incendio nel sottobosco. Questa è una decisione che dovrà prendere il Direttore Operazioni di soccorso e spegnimento, un funzionario del Comando Provinciale dei vigili del fuoco di Roma che sta dirigendo le operazioni da questa mattina, dopo il primo sopralluogo della squadra dei VVFF 27A di Velletri.