Grazie ai fondi regionali

Nuova veste e allestimenti per il museo civico Duilio Cambellotti di Latina FOTO

È stato inaugurato il nuovo museo civico Duilio Cambellotti, completamente rinnovato grazie al finanziamento ottenuto dal Comune di Latina attraverso il bando per la valorizzazione dei luoghi della cultura della Regione Lazio.

Il Museo Civico Duilio Cambellotti riaprirà al pubblico domenica 1 agosto con ingresso gratuito fino a fine settembre.

Numerose le novità strutturali apportate attraverso la riqualificazione degli spazi interni ed esterni e la creazione di servizi aggiuntivi per il visitatore come il punto ristoro, il bookshop, servizi di informazioni culturali e turistiche, aree di lettura, spazi educativi e didattici. Una parte importante del progetto di rinnovamento è legata alla digitalizzazione delle produzioni artistiche e dei documenti su Latina, ma anche sulle città di fondazione e l’Agro pontino, con la realizzazione di una piattaforma tecnologica condivisa necessaria per mettere in relazione tutti gli attori del Sistema Integrato delle Città di Fondazione tra loro e con i soggetti nazionali e internazionali interessati al tema.

Il rinnovamento ha riguardato anche l’identità visiva che è stata totalmente ripensata per proiettare il Museo su un palcoscenico nazionale, con un logo, un’immagine coordinata e un piano di comunicazione online e offline che ha previsto anche il lancio dei canali social del Cambellotti su Facebook e Instagram.

Una delle novità più interessanti dal punto di vista delle nuove tecnologie di allestimento è la Li-Fi Zone, una tecnologia che consente la trasmissione dei dati tramite la luce LED e che guiderà i visitatori in maniera interattiva fornendo loro informazioni dettagliate o contenuti aggiuntivi semplicemente utilizzando la telecamera del proprio smartphone.

«Riaprire un museo in questo periodo storico – ha dichiarato il Sindaco Coletta – è un’azione che racchiude in sé tanti significati: dal desiderio di ripartire alla voglia di cultura».






Miliardi per le piccole-medie attività
foto anteprima I fondi pubblici ci sono, le richieste no!