Condannato l'ennesimo atto vandalico

Lanuvio: distrutte le piante di Villa Sforza Cesarini piantate da Tito Frezza

A Lanuvio continuano gli atti incivili al Parco di Villa Sforza Cesarini. Alcuni giorni fa, sono state danneggiate e spezzate le piante che erano stato messe da un volontario, erano fiori rossi e dei girasoli giganti. "Avevo alcune piantine di scorta con cui ho sostituito subito quelle spezzate, dopo essermi accorto dell'atto vandalico e incivile " ha detto il signor Tito Frezza che se ne era occupato. Alcune sono alte più di due metri e mezzo e stanno facendo dei bellissimi girasoli. Le altre piante innestate sono come quelle che stanno in mezzo ai giardini che fanno i fiori gialli. A Villa Sforza  Cesarini invece sono rossi. Ci sono saltati sopra e li hanno pigiati come l'uva rovinandole alcuni giorni fa. Gli altri stanno facendo i fiori in questi giorni. E siccome nessuno vede e nessuno denuncia io mi  sono stancato e mi chiamo fuori dopo 9 anni che ho fatto un lavoro enorme. Con centinaia di ore di lavoro gratis e fatto moltissimi km a piedi ( una media 5 km al giorno x 9 anni) e messo di mio migliaia di euro. Ora dopo questo ulteriore scempio contro la natura e il proprio paese, ho deciso di dire basta a questi vandali incivili, non piantando più nulla. Andrò su solo ad annaffiare i fiori rimasti durante questa estate, loro non c'entrano nulla con le mani e le teste incivili e prive di scrupoli", conclude un amareggiato Tito Frezza.