Con lo slogan Frascati siamo noi

Frascati: Mastrosanti ci riprova. Ufficializzata la sua candidatura a sindaco

Con lo slogan “Frascati siamo noi”, l’ex sindaco Roberto Mastrosanti ci riprova, scendendo in campo più agguerrito di prima. L’ufficializzazione della sua candidatura si svolta sabato19 giugno nella splendida cornice dell’Hotel Flora di Frascati alla presenza di numerosi sostenitori, molti consiglieri della sua ex maggioranza e dei vertici sovracomunali di Italia Viva con l’on. Marietta Tidei e i coordinatori provinciali Luca Andreassi e Ileana Piazzoni. “Ho deciso di ricandidarmi per riprendere il cammino che ci è stato bruscamente interrotto nel febbraio scorso- ha esordito Mastrosanti - Ci hanno mandato a casa nel momento più difficile della pandemia e questo è stato un atto gravissimo, proprio quando stavamo lavorando con una lunga serie di interventi, dando l’anima per la città. Ma – ha rimarcato - qualcuno ha mancato l’impegno verso la città. Sia chiaro che il sindaco non se ne è andato, è andato via qualcuno che aveva assunto un impegno diverso verso la città per fare scelte diverse. Diciamo che abbiamo avuto una buona capacità di creare una classe dirigente”- ha ironizzato l’ex sindaco e l’allusione a chi prima lo aveva sostenuto ed oggi si trova essere antagonista come candidato sindaco o vicesindaco non è certamente casuale. Mastrosanti ha rivendicato con forza quanto è stato fatto durante i tre anni e mezzo della sua amministrazione: dal piano ventennale di riequilibrio finanziario per ripianare l’enorme macigno di 50 milioni di euro di passività del Comune, al risanamento della Sts Azienda Speciale, salvaguardando i posti di lavoro, alla nuova illuminazione pubblica, al risanamento degli acquedotti, ai lavori pubblici con ben 27 cantieri pronti, alla promozione della cultura, dei prodotti tipici. E a chi lo ha tacciato di essere stato un uomo solo al comando ha risposto con l’esempio di una squadra di presone presenti all’incontro che in questi anni hanno effettuato un grande lavoro, preferendo rimanere dietro le quinte come l’ex assessore ai Servizi sociali Alessia De Carli e l’ex assessore ai Lavori Pubblici Gelindo Forlini.

“Frascati siamo noi- ha detto a gran voce l’ex sindaco – qui c’è una cultura che viene dal basso e vuole impegnarsi per la sua comunità. Il civismo è questo. C’è bisogno dei migliori per Frascati perché il momento è drammatico. Ci saranno stati degli errori ma- ha precisato- non esiste un uomo solo al comando o si lavora tutti insieme o non se ne esce. Voglio giocarmi questa partita ma giocandomela in piedi. Questa sarà per me l’ultima volta e proprio per questo dobbiamo giocarcela bene. Supereremo le difficolta - ha aggiunto Mastrosanti – se saremo comunità e ci sosterremo l’uno con l’altro”. Prima di lui c’era stati gli interventi di Matteo Angelantoni ex delegato alle Periferie, Giampiero Cacciato presidente di Running Evolution, Mattia Ambrosio, ex delegato alle Attività produttive, Giuseppe Privitera ex delegato al Patrimonio e di altre due persone che si sono aggiunte al team: Laura Graziani e Monica Colombini. Con loro si è affrontato il tema delle periferie, della difesa dell’ambiente, sport, commercio, associazionismo culturale e rilancio della città.

Insomma, dopo aver fatto le “pulizie” Roberto Mastrosanti è deciso a riprendersi Palazzo Marconi per portare a termine il lavoro avviato nel giugno del 2017.” “Spero che si riesca a sentire l’aria che si respirava: bella, fresca, serena. Buona ma proprio Buona la prima”- E’ stato il commento soddisfatto sul suo profilo social dopo la presentazione della sua candidatura. Quattro ad oggi le liste che lo supporteranno “Insieme per Mastrosanti”, “Rinnovamento Civico”, “Europa Verde”, e “Frascati Nostra” ma il quadro si potrebbe allargare.

Maristella Bettelli