Successo per l'assemblea pubblica

Albano: 8 sindaci, associazioni e comitati uniti contro riavvio della discarica FOTO

Corale l'assemblea pubblica davanti la discarica di Albano
Carlo Zoccolotti, sindaco di Genzano
Giorgio Leopardi, vicesindaco di Ariccia
Mario Savarese, sindaco di Ardea
Mario di Pietro, assessore di Lanuvio
Massimiliano Borelli, sindaco di Albano
Marco Cacciatore, presidente Commissione Rifiuti Lazio
Milvia Monachesi, sindaca di Castel Gandolfo
< >

Tutti uniti contro il riavvio della discarica di Albano di proprietà di Manlio Cerroni, monopolista del settore rifiuti. Se fosse un film sarebbe questo il titolo dell'assemblea pubblica che si è tenuta ieri, sabato 19 giugno, davanti i cancelli d'ingresso della discarica di Albano, situata proprio al confine col comune di Ardea e poco distante da quello di Pomezia, indetta dall'associazione Salute Ambiente di Albano. 6 i sindaci presenti: Albano, Ardea, Ariccia, Lanuvio, Castel Gandolfo e Genzano. 2 i comuni assenti giustificati, causa impegni improrogabili: Rocca di Papa e Pomezia.

2 ASSENZE (GRAVI): MARINO E NEMI

Considerando che il bacino di riferimento della discarica, classe 1979, è composto da 10 comuni, sono stati quindi solo due i municipi non presenti per motivi ignoti: Nemi e Marino, che pure erano stati invitati a più riprese dai promotori. Unione e partecipazione dovute, molto probabilmente, anche alla notizia riportata nei giorni scorsi da vari quotidiani nazionali, secondo cui il ministro alla Transazione Ecologica, Roberto Cingolani, sarebbe fortemente intenzionato a riavviare l'immondezzaio di Albano per 'salvare' Roma dall'ennesima e gravissima crisi dei rifiuti in strada.

LA LUNGA LISTA DEGLI INTERVENTI

La lunga maratona di interventi è durata circa 3 ore. Partita da Amadio Malizia, presidente dell'associazione Salute Ambiente, e poi subito passata dai primi cittadini di Albano ed Ardea, Massimiliano Borelli e Mario Savarese, poi per il Presidente della Commissione Rifiuti Lazio, Marco Cacciatore, e poi ancora per la sindaca di Castel Gandolfo, Milvia Monachesi, per il primo cittadino di Genzano, Carlo Zoccolotti, e infine per i due vicesindaci nonché assessori di Ariccia, Giorgio Leopardi e di Lanuvio Mario Di Pietro. Lunghissima anche la lista dei presidenti di associazioni e comitati che hanno preso parola e che da 6 mesi sono artefici di una vera e propria guerra contro il riavvio del sito industriale: Valter Sartori, presidente del comitato di Montagnano di Albano, Arturo de Marzi, presidente del comitato Villa Ferrajoli-Albano, Danilo Ballanti, Italia Nostra/Partito Comunista dei Castelli, Giancarlo Ceci, Alternativa Sostenibile, Rosalba Rizzuto, La Città degli Alberi di Aprilia, Paolo Ceccarelli, comitato di Santa Palomba, Salvatore Stefanelli, comitato Pavona 1, Aldo Garofolo per i No Inc, etc.

 

 

 






Miliardi per le piccole-medie attività
foto anteprima I fondi pubblici ci sono, le richieste no!