Latina, l'arresto della Polizia

42enne affiliato al clan Di Silvio dai domiciliari al carcere

La Polizia di Stato di Latina ha tratto in arresto E. M., 42enne, in esecuzione di un provvedimento emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Roma dovendo l’uomo scontare un residuo pena che ne prevede la carcerazione sino al dicembre del 2023 per reati contro il patrimonio e in materia di armi.

Il noto pregiudicato fu condannato nel 2010, quando, organico al clan Di Silvio, fu parte attiva nello scontro armato che contrappose i Ciarelli/Di Silvio al gruppo dei cosiddetti non rom.

Il 42enne salì alla ribalta delle cronache quando venne arrestato insieme ad altri due  pregiudicati legati al clan Di Silvio, nel tentativo di uccidere  Gianfranco Fiori, ritenuto l’esecutore materiale del tentato omicidio del boss Carmine Ciarelli.

L’uomo, già detenuto ai domiciliari, è stato condotto presso il carcere di Velletri per scontare la pena residua. 






Miliardi per le piccole-medie attività
foto anteprima I fondi pubblici ci sono, le richieste no!