Chiesto da Paguro per replicare ad Arpa

Discarica alla Cogna: nuovo rinvio a giugno per il tavolo in Regione Lazio

Il sito al confine con Tor San Lorenzo, vicino Lido dei Pini, dove Paguro Srl vuol fare la discarica
Il progetto di discarica: 750mila metri cubi, 120 palazzi da 10 piani
2 corsi d'acqua nel sito Paguro
< >

Nuovo rinvio per la seconda seduta in Regione sul progetto di discarica alla Cogna. L'incontro era stato fissato “indicativamente” per il 14 maggio, poi rimandato al prossimo lunedì 17 maggio e ora è stato spostato nuovamente, su richiesta dell'amministratore unico della Paguro Srl, Rossana Fava.

La società che vuole realizzare il mega immondezzaio ad Aprilia, nell'ex cava al confine con Ardea e a due passi da Anzio – Lido dei Pini, ha chiesto più tempo per poter replicare al duro parere negativo espresso dall'Agenzia regionale per la protezione ambientale.

L'Arpa Lazio, infatti, il 4 maggio scorso ha consegnato la propria relazione. Nel documento evidenzia diverse criticità e difformità nel progetto della Paguro rispetto alla normativa vigente e alle condizioni geologiche e idrogeologiche del sito prescelto, che praticamente "galleggia" sulla falda idrica. Ma pure qualche presunta contraddizione tra diverse parti dello stesso progetto. Oltre a sottolineare la grande quantità di rifiuti estranei al sito che si vorrebbero abbancare nell'ex cava, in nome della bonifica dell'area stessa, purtroppo contaminata da rifiuti illegali anche di industrie chimico-farmaceutiche che da un lato si occupavano di salute umana e dall'altro tappezzavano questo territorio di scarti tossici…

“Tenuto conto che il suddetto parere di ARPA Lazio è formato da un articolato documento tecnico di 37 pagine – scrive la signora Fava della Paguro -, recante numerosi rilievi e osservazioni, la scrivente, vista l’imminenza della seconda seduta di conferenza di servizi, non è messa in condizioni di interloquire nel merito, nel rispetto del principio del contraddittorio. Pertanto, con ogni più ampia riserva, si chiede di rinviare la data della seconda seduta della conferenza di servizi in oggetto di almeno 30 giorni, in modo da consentire alla scrivente di formulare in tempo utile i chiarimenti e le deduzioni conseguenti ai rilievi formulati dall’organo tecnico regionale, nel rispetto del contraddittorio e della completezza istruttoria”.

Il capo della Direzione regionale capitale naturale, parchi e aree protette area valutazione di impatto ambientale, dottor Vito Consoli, ha accolto l'istanza della Paguro Srl e ha rinviato la seconda seduta del tavolo tecnico-istituzionale sul progetto al prossimo 15 giugno, ore 10,30.

Infine, la società della discarica rilancia: “Ove occorra, si chiede altresì di sospendere il termine del procedimento per un periodo equivalente alla proroga disposta”. Quindi potrebbe allungarsi il periodo totale dell'intero iter, ossia i 90 giorni indicati dalla normativa per la particolare procedura PAUR (Provvedimento Autorizzatorio Unico Regionale). In caso di autorizzazione, scatterebbe il via libera totale senza più bisogno di altri pareri, permessi e nulla osta. La discarica proposta dalla Paguro Srl prevede una capacità di 750mila metri cubi complessivi. Un volume equivalente a 120 palazzi da 10 piani, praticamente un quartiere di una città media.

Nel frattempo monta il fermento tra i cittadini per fermare il progetto.






Una fantastica novità per ripartire
foto anteprima Fai pubblicità e paghi con ciò che vendi
























Contenuto Sponsorizzato