Dopo lo stop dello scorso anno

Maria prega per noi, Nostra Signora delle Grazie torna a San Giovanni a Nettuno

Sono stati momenti di gioia, commozione, a tratti persino euforia, ad accompagnare il ritorno, dopo un anno di assenza, della Madonna di Nettuno, Nostra Signora delle Grazie, nella chiesa di San Giovanni al Borgo medievale. In gran segreto la Madonna è stata trasportata al Borgo dal Santuario su un mezzo protetto ieri sera. Prima delle 21 l’ingresso in chiesa. Poi la magia si è ripetuta, con i fedelissimi della confraternita che hanno portato avanti la cerimonia della vestizione. Tra canti e preghiere, le tantissime foto ricorso, la Madonna è stata preparata in un clima di felicità crescente. La sola presenza della Madonna (che lo scorso anno ha subito l’importante restauro di tutte le parti dorate) ha illuminato tutta la Chiesa con i nuovi e bellissimi paramenti realizzati a mano dalle parrocchiane.  Poi gli incollatori, tra loro per pochi minuti anche il Sindaco Alessandro Coppola, che ha preso parte alla cerimonia, l’hanno posizionata sull’altare. Domani mattina i fedelissimi, che stasera non sono potuti entrare, potranno farle visita. Quindi una preghiera, la supplica di protezione nei tempi durissimi della Pandemia, Maria prega per noi. A chiudere la cerimonia il tradizionale W Maria.
Non è ancora il ritorno alla normalità, alla bellissima processione, alla presenza delle confraternite tutte, delle scuole, dei paggetti e degli angiolotti. Ma oggi è stato un passo importante verso la speranza, intensa, di poter tornare alla normalità. La Madonna delle Grazie è al Borgo, accompagnata da padre Pasquale e accolta da don Fabrizio, e da oggi inizia la liturgia mariana di maggio.















Tra le frazioni di Stragonello e Muti
Terremoto tra Lanuvio e Genzano alle 6,24 di stamattina