Appia Nuova, al confine con Ciampino

Fratello di Diabolik accusa malore e chiama il 118, lo trovano con una pistola

Guai per Andrea Piscitelli, fratello del più noto Fabrizio alias 'Diabolik', ex leader della tifoseria laziale, ucciso con un colpo di pistola alla testa nel Parco degli Acquedotti a Roma. L'uomo, con precedenti, è stato arrestato l’altroieri pomeriggio dai Carabinieri in via Appia Nuova, non lontano dal confine con il comune di Ciampino.

ACCUSA UN MALORE E CHIAMA IL 118

Secondo quanto ricostruito, Piscitelli ha accusato un malore in strada e ha chiamato il 118. I sanitari giunti sul posto si sono accorto che il 50enne aveva addosso una pistola e hanno chiamato i Carabinieri. Ma quando Piscitelli ha visto arrivare le divise, si è rialzato in piedi e ha iniziato a correre. Durante la fuga, ha tentato di liberarsi dell'arma lanciandola in un'area verde. La corsa di Piscitelli è terminata poco dopo quando i militari sono riusciti a fermarlo.

AVEVA UNA PISTOLA RICERCATA DA ANNI

L'arma, recuperata è una pistola Beretta che l'uomo trasportava con un caricatore ma senza proiettili. Da un ulteriore esame la pistola, ricercata dal 1999, è risultata essere intestata ad una persona deceduta. Piscitelli sottoposto questa mattina a rito direttissimo per i reati di detenzione e porto di arma oltre che ricettazione è stato sottoposto a obbligo di presentazione in caserma. 






Una fantastica novità per ripartire
foto anteprima Fai pubblicità e paghi con ciò che vendi




Contenuto Sponsorizzato










Tra le frazioni di Stragonello e Muti
Terremoto tra Lanuvio e Genzano alle 6,24 di stamattina