Ecco l'elenco dei ristoranti aderenti

Stop allo spreco: Pomezia si possono portare a casa gli avanzi dal ristorante

Stop allo spreco di cibo al ristorante. A Pomezia, nei locali in cui viene esposto il logo di "Cibiltà", sarà possibile chiedere di portare a casa eventuali "avanzi" del pranzo o della cena in comodi contenitori. L'iniziativa, promossa dal Comune di Pomezia grazie a un finanziamento di Città Metropolitana, coinvolge con diverse modalità ristoratori, negozi di alimentari, scuole e famiglie.

COME FUNZIONA L'INIZIATIVA A POMEZIA

Ai ristoratori di Pomezia aderenti al progetto "Cibiltà" verranno consegnate vetrofanie di riconoscimento e "family bag" in materiale eco sostenibile per consentire ai clienti di portare a casa eventuali eccedenze di cibo dal ristorante. E ancora: sono previsti sacchetti anti-spreco da consegnare alle scuole e azioni concrete nelle mense scolastiche. Ad oggi hanno già aderito oltre 40 esercizi commerciali.

I RISTORANTI DI POMEZIA CHE HANNO GIÀ ADERITO

All'iniziativa Cibiltà hanno aderito i seguenti ristoranti, pizzerie e trattorie di Pomezia e Torvaianica (qui l'elenco completo con gli indirizzi)

Pizzerie:

  • Al Portico
  • Happiness La Casetta
  • Il Gallo
  • Re di Pizze
  • Vivarelli Stefano

Ristoranti:

  • 20.88 Wine and Coffee
  • A Tutto Pesce
  • Acqua & Sale
  • Al vicolo dei Sapori
  • Baccanale
  • Cotta & Mangiata
  • D.Verso
  • Da Renzo
  • Il Cigno
  • Il Grillo Parlante
  • Il Nido
  • La Campagnola
  • La Fonte di Enea
  • La Movida
  • La Prua
  • La Taverna del Castello
  • La Villa di Venere
  • Le Tredici Carbonare
  • Locanda Marchesani
  • Love is
  • Manzo Criminale
  • Officina del Pesce
  • Old Wild West
  • Osteria del Mare
  • Roadhouse Grill
  • Schiano
  • Talea
  • Tinga Beach & Risto
  • Torvicelli Bistrò
  • Un'altra storia
  • Zi Checco

Osterie-Trattorie:

  • Della
  • Fraschetta Le Monachelle
  • Ristocaffè Bla Bla
  • Vivarelli

 






Una fantastica novità per ripartire
foto anteprima Fai pubblicità e paghi con ciò che vendi


























Siamo sempre più stanchi e depressi
Quale cultura c’è per gioire in modo autentico?