Sulle strade più rischiose per i pedoni

10 nuovi attraversamenti pedonali rialzati sulle strade di Grottaferrata

Dieci nuovi attraversamenti pedonali rialzati sono stati realizzati nei giorni scorsi in tutto il territorio comunale di Grottaferrata. Ad essere interessate dagli interventi sono state:

-  Via degli Ulivi altezza campo sportivo

- Viale Kennedy altezza intersezione Viale Dusmet,

- Viale Kennedy altezza intersezione Via delle Nazioni Unite

- Via Anagnina tratto compreso tra l’intersezione con Viale S. Nilo e Via Roma

- Via della Costituente altezza civ. 18

- Via delle Sorgenti altezza intersezione con Via Piave

- Via XXV Luglio altezza Carrefour Express

- Via Roma tratto compreso tra l’intersezione con Viale S. Nilo e Via Anagnina

- Viale S. Bartolomeo altezza Carabinieri

- Via del Seminario, altezza civico 8.

“L’attraversamento pedonale rialzato consiste in una sopraelevazione della carreggiata che va a interrompere la continuità di lunghi rettilinei, in modo da moderare la velocità degli autoveicoli. L’attraversamento dei pedoni è reso in tal modo più sicuro grazie agli accorgimenti che caratterizzano le intersezioni pedonali rialzate: continuità della rete dei marciapiedi, miglioramento della visibilità e riduzione della velocità dei veicoli grazie alla presenza della sopraelevazione in corrispondenza dell’attraversamento” spiega l’assessore ai Lavori Pubblici, Alberto Guidi.

In corrispondenza dell’attraversamento sono stati collocati cartelli bifacciali con l’indicazione di attraversamento pedonale e, ad almeno 20 metri, laddove possibile, prima dell’attraversamento, i cartelli di attenzione dosso.

“L’ obiettivo di questi interventi – aggiunge il sindaco Luciano Andreotti – è quello di risolvere alcune criticità in materia di riqualificazione stradale. Tra queste un problema molto sentito dalla popolazione è risultato essere quello della sicurezza degli attraversamenti nei più diversi contesti per cui, paradossalmente e differentemente da quanto si potrebbe immaginare, talvolta valori di traffico non elevati costituiscono un elemento aggravante, in quanto permettono il mantenimento, anche in centro abitato, di velocità assolutamente non adeguate e fonte di rischio serio per i pedoni”.

Va da sé – prosegue Andreotti – che, alla luce di queste constatazioni, Il problema si è posto anche per le direttrici di livello gerarchicamente inferiore che, essendo caratterizzate da traffico non elevato, permettono a maggior ragione comportamenti spesso non compatibili con le caratteristiche delle strade”.

“L’analisi realizzata con particolare dovizia dai tecnici dell’Ufficio Viabilità che ringrazio, coordinati dal dirigente dottor Aldo Zichella, alla quale è seguito un intenso lavoro di squadra con la Polizia Municipale e l’Ufficio Tecnico, sempre presenti nei numerosi sopralluoghi effettuati insieme al presidente della Commissione Lavori Pubblici, Federico Pompili,  ha quindi rivelato delle problematiche legate a tutto l’abitato di Grottaferrata, individuando diverse strade sulle quali intervenire”.

“Nello specifico – conclude il sindaco -  l’Amministrazione Comunale si è concentrata, in base alla disponibilità economica, a risolvere le criticità di quelle strade che maggiormente richiedono risoluzione con l’obiettivo di intervenire nel tempo su tutte le arterie per le quali si sono riscontrate necessità di questo o altro tipo. Ringrazio i cittadini per la consueta collaborazione”.






























Contenuto Sponsorizzato