Cisterna, la decisione il 14 maggio

Slitta (di nuovo) per Covid la sentenza per la morte di Desirée Mariottini

Slitta (di nuovo) la sentenza per la morte di Desirée Mariottini, la 16enne di Cisterna di Latina trovata senza vita in uno stabile abbandonato del quartiere romano di San Lorenzo. La Corte di Assise di Roma ha preso atto che non si è ancora concluso il periodo di isolamento per Covid per i tre imputati e ha rimandatola decisione finale al 14 maggio.

Brian Minteh, Alinno Chima, Mamadou Gara e Yussef Salia sono accusati a vario titolo di omicidio volontario, violenza sessuale aggravata e cessione di droga a minori per la morte. Al momento si trovano nel carcere di Rebibbia.