Dopo anni di incuria

Mitreo di Marino: si pensa a lavori per le murature originali e nuovi punti luce

"Dopo gli interventi degli anni passati ci siamo trovati di fronte un luogo inospitale, inadatto a ricevere il pubblico e meritevole di una soluzione definitiva.  Così si è dato il via a 2 anni di monitoraggio con il supporto del C.N.R. per studiare il microclima umido che caratterizza la grotta e l’ambiente antistante ovvero quelle condizioni che, di fatto, hanno reso inutili i materiali utilizzati per rendere accogliente un luogo così prezioso" si legge nella nota del sindaco di Marino Carlo Colizza. 

"I locali di accesso al Mitreo, realizzati senza tener conto dell’umidità, erano in condizioni pessime – intonaci distaccati, i pannelli e le strutture di supporto pieni di ruggine – dovevamo fare qualcosa che avesse la possibilità di aprire la struttura definitivamente al pubblico. Oltre al microclima, l’ambiente risente anche di pesanti infiltrazioni causate dagli strati rocciosi che ricevono le acque meteoriche dal terreno sovrastante, ragion per cui si è dato il via a studi geologici per risolvere anche questo aspetto. La soluzione è stata individuata in un intervento che riguarderà il terrapieno sovrastante l’antica cisterna romana con opere di ingegneria che devieranno il flusso delle acque ed assicureranno al sito di non essere più esposto a fenomeni percolativi. I locali di accesso al Mitreo verranno rinnovati semplicemente tornando alle murature originali, valorizzando quei tratti propri di una costruzione degli anni ‘60 così che i visitatori godranno di un ingresso moderno in grado di accogliere anche i diversamente abili. Tutti gli ambienti saranno arricchiti anche con soluzioni innovative di illuminotecnica ovvero, con l’installazione di nuovi punti luce che assicureranno agli utenti un’esperienza totale ed unica all’interno del sito. Un lavoro lungo e silenzioso, che ha visto la sinergia tra professionisti di differenti materie, i quali hanno collaborato all’unisono con la Sovrintendenza, al fine di restituire a tutti i cittadini un luogo magico, ricco di storia e famoso nel mondo". 

Un tassello fondamentale che ha trovato nel Mibact il suo finanziatore, parte di una progettazione per la realizzazione di un più ampio ed ambizioso disegno: costruire un circuito unico che racchiuda tutti i luoghi carichi di storia e di significato della nostra bellissima Città, progetto accolto dalla Regione Lazio con il bando per la Digitalizzazione dei Beni Culturali. 

 
















Rocca di Papa-studentessa al Bambin Gesù
16enne in gravi condizioni dopo la caduta dal balcone di casa