Cerimonia per la Festa della Polizia

116 arresti in 1 anno: il bilancio della Polizia di Stato in provincia di Latina FOTO

Nel giorno della ricorrenza del 169° anniversario della fondazione della Polizia di Stato, il Questore di Latina Michele Maria Spina, alla presenza del Prefetto Maurizio Falco, ha deposto una corona di alloro presso la lapide commemorativa posta all’ingresso della Questura, in memoria dei caduti della Polizia di Stato che hanno sacrificato la loro vita per il servizio.

Per il secondo anno consecutivo, quindi, una celebrazione caratterizzata dalla massima sobrietà, vista l’emergenza epidemiologica in atto.

La giornata di festa è stata occasione per fare un bilancio dell’anno trascorso in provincia di Latina, sul quale ha inciso indelebilmente la pandemia da Covid-19.

Infatti, oltre all’attività di tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica, di prevenzione e repressione dei reati e di soccorso in caso di calamità ed infortuni, le donne e gli uomini della Polizia di Stato sono in prima linea per far rispettare le norme anti contagio, non tanto con misure repressive ma cercando di far comprendere l’importanza dei comportamenti corretti.

Il 2020 è stato l’anno in cui si è insediato alla guida della Questura di Latina il Dirigente Superiore della Polizia di Stato Michele Maria Spina.

La Polizia ha anche annunciato ufficialmente l'istituzione di un Commissariato ad Aprilia.

LE OPERAZIONI

Le Volanti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico ha compiuto 116 arresti; sono state invece 249 le persone denunciate in stato di libertà.

La Squadra Mobile ha portato a termine una serie di brillanti operazioni, tra le quali vanno annoverate “Scheggia” e “Movida Latina”: entrambe hanno riguardato vertici e associati al clan malavitoso Di Silvio, che rispondono dei reati di Estorsione, atti di illecita concorrenza, Violenza privata e Rapina, reati aggravati dal metodo mafioso.

Inoltre, con le operazioni “Reset” e “Moro” sono stati inferti duri colpi alle associazioni mafiose facenti capo ad esponenti delle famiglie Travali e Ciarelli: i primi perché ritenuti a vario titolo responsabili dei reati di associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, aggravata dal metodo mafioso, di numerose estorsioni aggravate anch’esse dal metodo mafioso e di un omicidio, aggravato dalla finalità di agevolazione mafiosa; i secondi in merito all’omicidio avvenuto nel 2010 di Massimiliano Moro e che si inquadra in una lotta tra clan volto al controllo criminale del territorio pontino.

L’operazione “In Trasferta” si è conclusa con l’arresto di tre pluripregiudicati siciliani, autori di ben 5 rapine nel territorio di Latina, compiute a mano armata e indossando finte divise di un istituto di vigilanza, in danno di esercizi pubblici e privati cittadini. I 3 complici, periodicamente, giungevano in territorio pontino dalla Trinacria, ove rientravano dopo aver depredato le loro vittime.

Con l’operazione “Bellavista” venivano invece tratti in arresto 6 soggetti responsabili di un traffico di cocaina.

Di diversa natura l’operazione “Dirty Glass” che ha condotto all’arresto di 12 persone responsabili a vario titolo di reati in materia fiscale e tributaria, violazioni della legge fallimentare, estorsione aggravata dal metodo mafioso, intestazione fittizia di beni, falso, corruzione, riciclaggio, accesso abusivo a sistema informatico, rivelazioni di segreto d’ufficio, favoreggiamento reale, turbativa d’asta, sequestro di persona e detenzione e porto d’armi da fuoco.

Per la particolare efferatezza dei crimini commessi e per la giovane età degli autori, si ricorda anche l’operazione “San Gennaro”, che ha condotto all’arresto di tre giovani delinquenti campani, autori di una rapina ad una gioielleria di Pontinia nel corso della quale fu pugnalato alla schiena il proprietario.

LA DIVISIONE ANTICRIMINE

La Divisione Anticrimine ha affinato e potenziato l’attività di polizia - soprattutto in tema di applicazione delle misure di prevenzione di competenza del Questore – e quella di monitoraggio dell’andamento dei fenomeni criminali a livello provinciale.

Ha emesso 173 Avvisi Orali, 64 Fogli di via obbligatori, 8 Ammonimenti del Questore, 16 proposte di Sorveglianza Speciale di P.S. (oltre alle 6 effettivamente comminate), 4 Daspo e 16 divieti di accesso agli esercizi pubblici e ai locali di pubblico trattenimento (il cd Dacur Willy).

Nel monitoraggio dei fenomeni criminali locali, ha coordinato l’attività di sequestro di un terreno agricolo in località borgo San Michele, dell’estensione di 1 ettaro e composto da 5 lotti, sul quale erano stati edificati manufatti di tipo residenziale completamente abusivi (5 villette e relative pertinenze), operazione che ha colpito le famiglie Di Stefano/Di Silvio e decisamente significativa sotto il profilo del ripristino della legalità.

 

L’ANTITERRORISMO

La Digos ha eseguito un Fermo di indiziato di delitto nei confronti della 35enne tunisina Janet Zouabi per i reati di associazione con finalità di terrorismo anche internazionale, addestramento e istigazione a commettere delitti con finalità di terrorismo. L’indagine, condotta in stretto raccordo con il Servizio per il Contrasto dell’Estremismo e Terrorismo esterno della DCPP/UCIGOS, era stata avviata all’indomani della segnalazione, acquisita attraverso il Federal Bureau of Investigation, di un profilo Telegram attraverso il quale altri utenti della Rete venivano invitati dall’indagata ad acquistare materiale per la realizzazione di esplosivi con l’intento di colpire non meglio specificati “obiettivi sionisti”.

Nel corso delle attività investigative, a conferma della contiguità della Zouabi ad ambienti del radicalismo islamico di matrice confessionale, sono state documentate diverse esortazioni – rivolte dalla stessa a utenti di gruppi Telegram simpatizzanti dell’Isis – a compiere attentati, con dettagliate indicazioni sulle possibili modalità di esecuzione e istruzioni per la fabbricazione di esplosivi.

È stato inoltre eseguito un decreto di espulsione dal territorio nazionale emanato dal Ministro dell’Interno nei confronti di un cittadino tunisino che faceva parte del circuito relazionale del terrorista Amri Anis, autore della strage dei mercatini natalizi di Berlino.

Degna di menzione, infine, l’operazione “Ascaris” che ha coinvolto la pubblica amministrazione per la commissione dei delitti di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e corruzione, per i quali la Procura della Repubblica di Latina ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 5 persone.

 

L'ATTIVITÀ ORDINARIA

La Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale, oltre all’impegno istituzionale di controllo su tutte le attività soggette a licenza di Pubblica Sicurezza, ha rilasciato 2600 passaporti e quasi 1100 porti d’arma con 85 decreti di revoca o non accoglimento degli stessi.

L’Ufficio Immigrazione ha rilasciato quasi 30mila permessi di soggiorno con 113 provvedimenti di espulsione o allontanamento a carico di altrettanti cittadini extracomunitari irregolarmente soggiornanti sul territorio nazionale.

Degno di nota anche il lavoro dell’Ufficio Tecnico Logistico, relativo a tutte le incombenze legate alla corretta manutenzione degli stabili che ospitano Uffici della polizia di Stato.

 

I DISTACCAMENTI

Ugualmente incisiva è risultata l’attività svolta dai cinque Commissariati Distaccati di Pubblica Sicurezza presenti nella provincia pontina.

Gli agenti del Commissariato di Fondi hanno tratto in arresto 28 persone e denunciato all’A.G. altre 190; a Cisterna di Latina sono state arrestate 27 persone e denunciate 262; a Terracina, 32 arrestati e 110 denunciati; il Commissariato di Formia che ha effettuato 11 arresti; infine, i poliziotti di Gaeta hanno eseguito 10 arresti con 119 denunce in stato di libertà. Ma l’opera dei Commissariati non si esaurisce certo nelle cifre citate, poiché il loro apporto è stato spesso determinante sul positivo esito delle complesse indagini compiute sul territorio dell’intera provincia da parte degli investigatori della Questura e che sopra sono state enunciate.

Accanto alla citata opera condotta dalla Questura e dalle sue articolazioni, meritano menzione anche le attività svolte dalle Specialità della Polizia presenti e attive sul territorio pontino.

A tal proposito si ricorda come la Polizia Postale abbia deferito in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria 201 persone e tratto in arresto 1 soggetto trovato in possesso di un ingente quantitativo di materiale informatico dal contenuto pedo-pornografico; mentre la Polizia Stradale ha conseguito i seguenti dati inerenti le specifiche attività di controllo su strada: 4 soggetti tratti in arresto, 174 persone denunciate in stato di libertà, 85 sono stati i documenti ritirati e 7 i veicoli posti sotto sequestro. Così molto importante è stata, infine, l’opera preventiva svolta presso gli scali ferroviari e a bordo dei convogli, posta in essere dalla Polizia Ferroviaria, mediante i suoi metodici e sistematici controlli su passeggeri e merci che si muovono su rotaia.