Passante trova un tronco mummificato

Macabra scoperta alle spalle del cimitero di Genzano: nel bosco resti umani FOTO

Macabra scoperta alle spalle del cimitero di Genzano, dove un passante nella fitta boscaglia a picco sul lago di Nemi ha trovato il tronco di un cadavere mummificato risalente a diverse decine di anni. Immediata la chiamata ai carabinieri della stazione, che si sono portati sul posto insieme agli ispettori della Asl Roma 6 e i vigili del fuoco di Velletri, che si sono calati recuperando le ossa. Il sostituto procuratore di turno della Procura di Velletri ha disposto il sequestro dell’area, di proprietà comunale, e il trasferimento del cadavere al policlinico di Tor Vergata per l’esame del Dna.

I vigili del fuoco stanno scavando nei pressi del cimitero per cercare di capire se vi siano altre ossa umane e avere chiarezza dell’accaduto. Le indagini sono in corso.

IL SINDACO: FIDUCIA NELLE FORZE DELL'ORDINE

"Le forze dell’ordine e la magistratura sono già al lavoro per stabilire come, quando e chi sia il responsabile di un tale riprovevole atto che, a nome dell’Amministrazione, condanno con forza", spiega il sindaco di Genzano Carlo Zoccolotti.

"Sono in corso indagini che seguiamo con attenzione e in relazione alle quali valuteremo nei prossimi giorni, con l’ufficio legale del Comune, la necessità che lo stesso si costituisca parte offesa. Gli uffici competenti e il personale comunale hanno subito fornito le informazioni richieste utili alle indagini e continueranno a farlo nei prossimi giorni secondo le indicazioni delle autorità. Massima fiducia nel lavoro delle forze dell’ordine che, confido, riusciranno presto a far luce su quanto avvenuto".






Questo giornale è efficace più del web
foto anteprima Vengono decine di clienti al mese da Il Caffè