Controlli su tutto il territorio

Pasqua e Pasquetta blindate: regole e divieti. 70mila forze dell’ordine in campo

Nel lungo weekend di Pasqua e Pasquetta è in vigore la zona rossa. Per oggi e domani il governo guidato da Mario Draghi ha previsto delle regole ancora più ferree in tutte le regioni d’Italia.

REGOLE SU SPOSTAMENTI E SPORT

Fino al 5 aprile sarà consentito spostarsi solamente per motivi di lavoro, salute, necessità o per rientrare nella propria residenza o domicilio. Vietato, dunque, uscire per motivi differenti da questi elencati. Consentita solamente attività motoria individuale nei pressi della propria abitazione.

NEGOZI

Restano aperti negozi di generi alimentari come supermercati e dove sono venduti beni di prima necessità. Tra questi rientrano edicole, tabaccai, farmacie, parafarmacie, lavanderie, vivai. Chiusi, invece, i negozi di vendita al dettaglio, parrucchieri ed estetisti.

RISTORANTI E BAR

Chiusi, in zona rossa, anche ristoranti e bar per i quali è però consentito il servizio a domicilio senza limiti di orario (solo per i ristoranti) o di asporto. Per quest’ultimo l’orario per i ristoranti è fino alle 22 e per i bar fino alle 18.

VISITE AD AMICI E PARENTI

Nonostante la zona rossa, sarà consentito una sola volta al giorno spostarsi verso un’abitazione privata della stessa regione tra le 5 e le 22 per un massimo di due persone, oltre a quelle già conviventi nell’abitazione di destinazione portando con sé i figli minori di 14 anni e persone disabili o non autosufficienti. Resta sempre consentito, come detto, il rientro nella propria residenza o domicilio.

CHIESE

Le funzioni religiose, come ad esempio la messa di Pasqua, si svolgono regolarmente mantenendo però il rispetto dei protocolli anti-Covid.






Questo giornale è efficace più del web
foto anteprima Vengono decine di clienti al mese da Il Caffè






















Ok da comuni di Albano e Castel Gandolfo
Castelli Romani, via al ‘contratto di falda acquifera’