Zuccalà in visita agli operatori

Riordino mercato di Pomezia. Il sindaco: «Nuova collocazione vittoria per tutti» FOTO

Il Sindaco di Pomezia Adriano Zuccalà e la vice Sindaco Simona Morcellini hanno fatto visita questa mattina agli operatori del mercato di Pomezia. Dallo scorso 6 febbraio i banchi del mercato hanno lasciato via Orazio per spostarsi tra piazza San Benedetto da Norcia, via Varrone, largo Columella e via Salvo d’Acquisto.

La ricollocazione, che è stata anche l’occasione per ridisegnare la mappatura delle concessioni, mira a valorizzare l’identità storica, commerciale e culturale del mercato di Pomezia restituendo al traffico veicolare via Orazio, in modo da aumentare la sicurezza stradale e recuperare parcheggi.

“La nuova collocazione è stata condivisa con gli operatori e i rappresentanti del settore – spiega la vice Sindaco Simona Morcellini – Un risultato importante che ci consente da una parte di valorizzare le diverse categorie merceologiche presenti e dall'altra di garantire una viabilità più snella e sicura. Il mercato pometino del sabato, oltre ad essere uno dei più grandi del Lazio, è uno spazio fisico e simbolico importante per i cittadini che lo attraversano da anni: il nostro obiettivo è stato riservargli la giusta attenzione per coniugare le esigenze degli operatori con la sicurezza della Città”.

“Per anni i residenti del centro di Pomezia hanno chiesto soluzioni alternative al mercato del sabato – aggiunge il Sindaco Adriano Zuccalà – Oggi finalmente possiamo dire di aver trovato il giusto equilibrio tra le esigenze della cittadinanza e quelle degli operatori commerciali, anche delle attività che si affacciano sul mercato. Un risultato storico di cui ringrazio gli uffici comunali e gli operatori stessi, per la grande collaborazione dimostrata. La nuova collocazione dei banchi, che libera di fatto via Orazio, recupera quasi 100 parcheggi ed elimina l’attraversamento delle auto nell’area del mercato, è una vittoria per tutti”.




























Ok da comuni di Albano e Castel Gandolfo
Castelli Romani, via al ‘contratto di falda acquifera’