L'attacco di Città Futura

Genzano: strade ridotte a un colabrodo e mancata pulizia dei tombini

Grandi disagi a Genzano per le condizioni delle strade, ridotte ad una vera e propria corsa ad ostacoli con percorsi ridotti ormai a delle vere e proprie "carrarecce" al limite della percorribilità. I consiglieri comunali Cristian Di Veronica e Flavio Gabbarini, del Movimento Politico "Città Futura" fondato dell'ex sindaco, dopo le numerose segnalazioni dei cittadini, hanno già presentato una interrogazione al sindaco per spronarlo ad intervenire. Di cosa si sta facendo per la pulizia delle strade, delle caditoie (tombini di scolo) e per la condizione delle buche in alcuni quartieri centrali e periferici, che giacciono così da alcuni anni se ne era parlato anche nell'ultimo Consiglio . " Non siamo stati per nulla soddisfatti di come è stato affrontato l'argomento, dice Flavio Gabbarini, finora in quasi 5 mesi di amministrazione non è stato fatto nulla. C'è lo confermano molti residenti di zone molto popolose, come via Roma, via Cavaceppi, via Pellegrino, via Genova, via Barbaliscia, adiacenti a via Grandi, poi degrado totale e strade groviera a via dell'Aspro, via Veneto, Salita dei Merli, Genzano Vecchio, Borgo Antico e molte altre strade rurali . Chiederemo con altre interrogazioni dettagliate e carte alla mano, al sindaco e alla giunta, perché non si interviene e non si puliscono le strade, le griglie di scolo, non si presta attenzione al decoro, alla manutenzione e alla sistemazione delle buche? Genzano è diventata ormai tutta una toppa di asfalto a caldo ovunque. E quando piove forte si allaga tutta la cittadina, in particolare la tangenziale e si è costretti a chiudere le strade che diventano fiumi in piena. Eppure ci sono contratti e accordi con aziende specifiche per fare regolari controlli e lavori a questo riguardo, per non parlare anche dell'illuminazione pubblica pressoché inesistente in alcuni quartieri centrali e rurali, come mi riferiscono centinaia di cittadini ogni giorno", conclude l'ex sindaco Flavio Gabbarini, che allega alcune foto dei quartieri sopracitati, inviate dai cittadini.