La scelta fatta dalla Prefettura

55 migranti in quarantena a Cori, il sindaco rassicura: non potranno uscire

Il sindaco di Cori Mauri De Lillis parla alla cittadinanza per spiegare le ragioni dell’arrivo di 55 migranti provenienti da Lampedusa.

Ipotesi inizialmente scartata dalla Prefettura, viste anche le istanze del Comune, a favore della ex Rossi Sud “adeguato di tutte le misure igienico sanitarie, di sicurezza etc... tale da poter ospitare i migranti per 14 giorni (il tempo della quarantena) per poi procedere al rimpatrio degli stessi”.

Poi, il cambio di decisione. “La maggior parte dei migranti, minorenni non accompagnati, avrebbe comportato delle misure di accoglienza non più sostenibili in un campo (anche ben allestito), ma sarebbe stata necessaria una struttura”. Da quel momento è rientrata in campo l'ipotesi della struttura di Cori, che secondo le istituzioni della Prefettura, Questura, Carabinieri ed Asl risulta “la più idonea per accogliere e gestire in via temporanea i migranti e questo tipo di emergenza”.

“In primis, una struttura ritenuta la più idonea dalla Questura e dai Carabinieri in quanto avrebbe permesso loro un sistema di controllo più efficace e stringente. Il controllo sarebbe stato molto più difficoltoso se si fosse fatta la scelta di distribuire i migranti in più strutture (di piccole dimensioni) sul territorio provinciale – aggiunge il sindaco –. Vorrei aggiungere che il fatto che si tratti di minori soli non può lasciarci indifferenti da un punto di vista umano: ci troviamo di fronte a dei ragazzi”.

Ora gli 80 ragazzi che già erano presenti presso il santuario della Madonna del Soccorso sono stati allocati presso altri Cas presenti sul territorio provinciale e sostituiti dai nuovi 43 migranti negativi al tampone che “saranno assistiti h24, tenuti sotto osservazione costante da parte della Asl e controllati h24 dalle forze dell'ordine - Polizia, Carabinieri e Guardia di finanza, che si alterneranno con un numero di uomini che ci è stato assicurato sarà idoneo a garantire la sicurezza e la tranquillità di tutti. I migranti non potranno assolutamente uscire dalla struttura per nessuna ragione”.

Infine, una considerazione di natura politica. “Credo che la politica della Provincia di Latina debba apprendere da questa esperienza che il tema dell'immigrazione non va sempre affrontato con l'emergenza. Gli sbarchi ci sono e ci saranno e pertanto il territorio provinciale tutto deve attrezzarsi in modo strutturato e organizzato ed evitare nel futuro di coinvolgere sempre le stesse le comunità che si sono sempre dimostrate vocate al valore dell'accoglienza”.








<
>
Sport
Calcio a 5
"Contenta per l'opportunità"
Serie A2. Mirafin, Moira Mirra è il nuovo Direttore Generale
Calcio a 5
Cencelli-Bonetto nello Staff di Esposito
Serie B. Fortitudo Futsal Pomezia, cambio di passo per una stagione da vertice
Calcio a 5
Lo scorso anno in A2 col Ciampino
Serie B. Colpaccio United Pomezia, preso Gianmarco Paolini
Calcio a 5
Per lui esperienze importanti a Ciampino
Serie B. La Fortituto Futsal Pomezia prepara il colpo Alessio Lemma
Sport
Non più snobbato dal piccolo schermo
Campionati fermi: se vi manca il calcio, ci pensano le serie Tv
Calcio Serie D
Parla il centrocampista Flavio Mattia
Aprilia Racing, "C'è tanta voglia di tornare in campo"
Calcio a 5
L'intervista al DS Stefano Rocchi
Serie A2, la Mirafin pensa già al futuro
Calcio Eccellenza
Gli ospiti vincono 3-0
Girone A. L'Anzio Calcio cede al Monterotondo Scalo






EVENTI (1)