Regione: prestiti e finanza speculativa

Sanità, quel ‘tampone’ da 3 miliardi di euro: paghiamo ancora interessi folli

La speculazione finanziaria, malgrado il Covid 19, controlla ancora la nostra sanità 

Erano ospedali, poliambulatori, presìdi sanitari e uffici amministrativi funzionanti e funzionali per il territorio. Cioè sedi dei servizi territoriali tanto evocati durante il disastro e l'impreparazione davanti al Covid19. 
Sono 49 strutture di proprietà delle Asl del Lazio, vendute nel 2002 con l’operazione “San.Im. SpA”, per fare cassa. Ad esempio, ci sono gli ospedali Riuniti di Anzio e Nettuno e alcuni dei Castelli Romani (tuttora "da riscattare", ossia da riportare nella proprietà della Regione Lazio), altri 12 strutture sono a Roma. C'è pure la centralissima sede di uffici e ambulatori dell'Asl pontina, in piazza Celli a Latina (ma per ora di proprietà dei mercanti dela finanza speculativa). Qui sotto indichiamo uno per uno i vari presìdi finiti nella spirale.

Una operazione di cartolarizzazione con la Cartesio Srl di banca Unicredit, voluta dall’allora Governatore Francesco Storace per “tamponare”, in senso lato, un debito sanitario regionale totalmente fuori controllo. Malgrado scandali, corruzioni, raccomandazioni e ruberie varie, la Regione pagava a “piè di lista” tutto ciò che veniva “ammucchiato” nei bilanci delle ASL, senza verificare se erano spese vere e giustificabili o truffe. Le conseguenze dell’operazione San.Im. SpA, questo giornale le ha documentate dal 2008 (LEGGI QUI), sottolineando l'emorragia di soldi pubblici con un ingarbugliato meccanismo a cappio gestito dalla finanza tossica e speculativa. Chiedemmo lumi alla Regione, quando il governatore era Piero Marrazzo con Luigi Nieri assessore al bilancio. 
Nessuno ci ha mai risposto.  

FINANZA SPECULATIVA
Oggi confermiamo che ad incassare la barca di soldi generata da questa operazione sarà ancora una volta la finanza speculativa internazionale (la stessa che ha creato la crisi economico-finanziaria del 2008), che ancora oggi domina i fantomatici “mercati” del credito. Nel 2014 il Ministero dell'economia e finanze pose una condizione al governatore Zingaretti, che chiedeva aiuto per salvare il bilancio regionale: lo Stato si sarebbe accollato la rinegoziazione di vecchi mutui o l'acquisto di obbligazioni a patto che nei contratti non vi fossero prodotti finanziati derivati.  In pratica, senza quelle pericolose e subdole scommesse finanziarie, spesso “giocate” nei mercati non regolamentati, più rischiosi della borsa: prendono il debito che hai con loro, lo reimpacchettano e lo rivendono, con tassi variabili che possono mandarti a piedi per aria.  Ma ciò che più lascia l’amaro in bocca è il fatto che sicuramente non tutte le strutture coinvolte nell’operazione torneranno ad essere quelle di una volta. Alcune in particolare non hanno oggi un futuro, anche se stiamo pagando fior di quattrini per riscattarle.

IL GIOCO DELLE TRE CARTE
Il caso più emblematico è l’ospedale di Amatrice crollato nel terremoto del 24/8/2016. Con altri 3 presìdi dell’ASL di Rieti, l’“affare” prevede un canone annuale di 748.622 euro oltre a interessi. Anche per quell’ospedale ridotto in macerie, la Regione restituirà, oltre al capitale preso in prestito, anche i grassi interessi collegati ai famigerati prodotti finanziari derivati. Quella che per i comuni mortali è una operazione di strozzinaggio, nel linguaggio della finanza moderna si chiama “sale and lease back”. Si tratta di una presunta vendita, che andrebbe iscritta nei bilanci delle ASL e della Regione come entrata, alla quale però è abbinato un affitto di riscatto trentennale che andrebbe iscritto come uscita e quindi a somma zero. Ma così non è stato. Lo ha evidenziato la relazione della Corte dei Conti, a firma dei magistrati Aldo Carosi e Maria Teresa D’Urso, approvata con delibera n. 22/2009/G. Già all’epoca la Magistratura contabile aveva evidenziato l'insostenibilità finanziaria dell’operazione e che la stessa poteva “essere assunta ad archetipo di evento produttivo di squilibri strutturali di bilancio, dal momento che, fin dall'inizio, essa non presentava la creazione di alcun valore attivo, in grado di bilanciare la grave diminuzione patrimoniale conseguente alla vendita di tutti gli ospedali del Lazio. Per di più, tale irragionevole operazione veniva perseguita al fine di coprire deficit pregressi con una evidente ed intrinseca connotazione patrimoniale negativa”. Insomma, una folle scommessa senza vantaggi per le casse pubbliche e la collettività. Un cappio al collo. 

BILANCI AGGIRATI
Tra l’altro, sempre secondo la Corte dei Conti, si era trattato di una manovra che eludeva gli obblighi di bilancio. La cosa non si poteva fare perché c’erano di mezzo i costi legati ai pericolosi prodotti finanziari derivati, i quali, proprio a causa della loro indeterminatezza, erano impossibili da calcolare. 
La Regione Lazio, inizialmente con la Giunta Badaloni (centro-sinistra) e poi molto più corposamente con la Giunta Storace (centro – destra) ha fatto da apripista per questo tipo di operazioni. Le conseguenze, con ospedali chiusi e migliaia di posti letto tagliati, le stiamo pagando oggi in pieno periodo di Covid 19, ma le continueremo a pagare pesantemente anche nei prossimi anni. E anche questa drammatica conseguenza è stata evidenziata in modo netto dalla Corte dei Conti nel suo ultimo Rapporto sul coordinamento della finanza pubblica. Durante la pandemia “la mancanza di un efficace sistema di assistenza sul territorio ha lasciato la popolazione senza protezioni adeguate”. Così scrivono i giudici contabili, sottolineando la continua e imponente sottrazione di risorse per far quadrare i bilanci regionali, che aggiungono: “L’insufficienza delle risorse destinate al territorio ha reso più tardivo e ha fatto trovare disarmato il primo fronte che doveva potersi opporre al dilagare della malattia”.

IL CONTO SALATISSIMO
Due anni fa la Giunta Zingaretti ha compiuto una parziale ristrutturazione del debito San.Im. In cambio dell’emissione di nuovi titoli, che scadranno nel 2043, sono state riacquistate 2 delle 5 tranche di debito emesse nel 2003: sono così rientrate nel possesso delle ASL 17 strutture sanitarie, ma altre 32 restano ancora nel meccanismo infernale creato quasi vent’anni fa. Il lieve risparmio ottenuto deve però essere confrontato con il costo già pagato sui prodotti finanziari derivati, che allo stato attuale risulta sconosciuto. E già questo è molto strano e assurdo per una democrazia. Un pagamento del genere, per circa 70mila euro, è stato effettuato dalla Regione ancora a settembre dello scorso anno. In sostanza restano da pagare altre 26 rate semestrali, per un totale di quasi 800 milioni. Con quelle pagate quest’anno una minima parte (11 milioni su 40) se ne andrà per il capitale preso in prestito dalla Regione Lazio, mentre il resto se ne andrà per interessi. 
Tirando le somme in base ai bollettini mensili prodotti in tutti questi anni dall’Osservatorio del Debito della Regione Lazio, il costo totale attuale per rientrare in possesso di tutte e 49 le strutture sanitarie dell’operazione San.Im. arriva a 3 miliardi, sperando che da qui alla scadenza “andrà tutto bene”. 

Roberto Lessio  e Francesco Buda


Le strutture finite nella spirale San.Im.


Sul sito della Regione Lazio non esiste alcuna informazione al riguardo. Mancano 12 delle 49 strutture finite nell'operazione San.Im. perché mancano informazioni del patrimonio immobiliare delle ASL RM5 e Viterbo. Elaborazione dati de “Il Caffè”.

 

Latina - Poliambulatorio e uffici Asl piazza Celli Da riscattare


Fondi - Ospedale San Giovanni di Dio Da riscattare


Formia Ospedale Dono Svizzero Da riscattare


Gaeta - Ospedale Di Liegro Da riscattare


Sezze Ex Ospedale San Carlo Da riscattare


Priverno - Ospedale civile  Riscattato


Marino Ospedale San Giuseppe Riscattato


Frascati San Sebastiano Da riscattare


Rocca Priora Ospedale Cartoni Da riscattare


Albano Laziale Ospedale San Giuseppe Da riscattare


Velletri - Ospedale Paolo Colombo Da riscattare


Anzio Ospedali Riuniti di Anzio e Nettuno Da riscattare


Roma - Ex Ospedale San Giacomo - Da riscattare


Roma - Poliambulatorio Via Tenuta di Torrenuova - Da riscattare


Roma - Nuovo osp. “Regina Margherita”- Riscattato


Roma Istit. Sup. Odontoiat. “George Eastman” - Riscattato


Roma - Ospedale “Sandro Pertini” - Riscattato


Roma - Poliambulatorio a Bresadola - Riscattato


Roma - Ospedale C.T.O. Alesini - Riscattato


Roma - Sant’Eugenio (vecchio padiglione) - Riscattato


Roma - IPAB Opera Pia Santa Caterina della Rosa - Riscattato


Roma - (Ostia) Ex Ospedale Sant’Agostino - Riscattato


Roma - Poliambulatorio San Zaccaria Papa - Riscattato


Roma - Poliambulatorio Lungotevere della Vittoria - Riscattato


Valmontone - Ospedale Vittorio Emanuele III - Riscattato


Subiaco - Ospedale A. Angelucci - Riscattato


Alatri - Ospedale San Benedetto - Da riscattare


Cassino - Ex Ospedale De Bossis - Da riscattare


Ceccano -  Ex Osped. Santa Maria della Pietà - Da riscattare


Pontecorvo - Ospedale P. Del Prete - Riscattato


Amatrice - Ospedale F. Grifoni - Da riscattare


Magliano Sabina - Ex Ospedale - Da riscattare


Rieti - Ambulatorio CSM-SERT - Da riscattare


Rieti - Poliambulatorio e uffici Asl via Matteucci - Da riscattare


Viterbo - Ospedale Belcolle - Riscattato


Acquapendente - Ospedale Civile - Riscattato

 

 








<
>
Sport
Sport
Il neroniano si è imposto negli Under 23
Ciclocross. Antonio Folcarelli trionfa a Civitavecchia
Basket Maschile
Intervista al Presidente Fabrizio Monni
Riparte la stagione della Virtus Pomezia Basket con il sogno C Silver
Volley Femminile
Esordio il 7 Novembre con la Fenice
Serie B2. Si alza il sipario sulla stagione della United Volley Pomezia
Calcio Eccellenza
In Coppa Italia ci sarà la Luiss
Anzio Calcio, esordio in campionato il 27 settembre a Tor Sapienza
Calcio Eccellenza
Sempre in movimento il club di Valle
L'Unipomezia sbarca su Instagram e ha già una follower di lusso…
Calcio a 5
La squadra si è ritrovata il 24 Agosto
Città di Anzio Calcio a 5, si alza il sipario sulla nuova stagione
Calcio Eccellenza
Il bomber è sempre più un punto fermo
Centro Sportivo Primavera, riscattato Kevin Carlino a titolo definitivo
Calcio Serie D
La rosa di Bussone ora è al completo
Team Nuova Florida, dal Portici arriva l'attaccante Ciro Coratella
Calcio Promozione
Per lui un passato anche in Serie B
Colpaccio Virtus Ardea: il super Bomber Marco Ascenzi ha detto si
Calcio a 5
"Contenta per l'opportunità"
Serie A2. Mirafin, Moira Mirra è il nuovo Direttore Generale
Calcio a 5
Cencelli-Bonetto nello Staff di Esposito
Serie B. Fortitudo Futsal Pomezia, cambio di passo per una stagione da vertice
Calcio a 5
Lo scorso anno in A2 col Ciampino
Serie B. Colpaccio United Pomezia, preso Gianmarco Paolini






<
>
EVENTI (7)