Alla presenza del sindaco Coletta

Un riconoscimento ai membri del Consiglio dei bambini e delle bambine di Latina

Con una cerimonia che si è svolta nel tardo pomeriggio di ieri in Comune a Latina, l’amministrazione ha salutato il Consiglio comunale dei bambini e delle bambine le cui attività vengono temporaneamente messe in pausa in concomitanza con il periodo estivo.

Alla presenza del sindaco Damiano Coletta, dell’assessore Cristina Leggio e dei rappresentanti delle scuole, i componenti del Consiglio, accompagnati dai rispettivi genitori, hanno ricevuto una medaglia come riconoscimento per l’impegno istituzionale assunto, in giovanissima età, dalla nascita di questo progetto. Il Consiglio comunale dei bambini e delle bambine è stato istituito nel novembre scorso ed è nato dall’intuizione del prof. Francesco Tonucci, ricercatore del Cnr e ideatore della rete internazionale “La città dei bambini e delle bambine”.

Ieri pomeriggio un riconoscimento è stato consegnato dal primo cittadino anche alla facilitatrice Emilia De Nardis che ha ricevuto una pergamena per l’impegno costante messo in campo in questo percorso.








<
>
Sport
Calcio a 5
"Contenta per l'opportunità"
Serie A2. Mirafin, Moira Mirra è il nuovo Direttore Generale
Calcio a 5
Cencelli-Bonetto nello Staff di Esposito
Serie B. Fortitudo Futsal Pomezia, cambio di passo per una stagione da vertice
Calcio a 5
Lo scorso anno in A2 col Ciampino
Serie B. Colpaccio United Pomezia, preso Gianmarco Paolini
Calcio a 5
Per lui esperienze importanti a Ciampino
Serie B. La Fortituto Futsal Pomezia prepara il colpo Alessio Lemma
Sport
Non più snobbato dal piccolo schermo
Campionati fermi: se vi manca il calcio, ci pensano le serie Tv
Calcio Serie D
Parla il centrocampista Flavio Mattia
Aprilia Racing, "C'è tanta voglia di tornare in campo"
Calcio a 5
L'intervista al DS Stefano Rocchi
Serie A2, la Mirafin pensa già al futuro
Calcio Eccellenza
Gli ospiti vincono 3-0
Girone A. L'Anzio Calcio cede al Monterotondo Scalo



Per lui uno striscione alle autolinee
Addio a Bruno, l'autista di Latina amico degli studenti