La compagna aveva i segni della violenza

Arrestato dalla Polizia un 36enne romano per maltrattamenti in famiglia

Gli agenti della Sezione Volanti, del commissariato Prati e del commissariato Borgo nella prima mattinata di ieri sono intervenuti in via Giorgio Scalia in seguito alla diramazione di una nota radio di una richiesta di aiuto da parte di una donna che riferiva di aver ricevuto percosse dal convivente. La chiamata della donna era stata, tra l’altro, bruscamente interrotta dopo che si erano udite diverse urla. Giunti sul posto, i poliziotti hanno trovato la vittima, 32enne romana,  visibilmente scossa e con evidenti segni della violenza subita, tali da richiedere il trasporto in codice rosso in Ospedale. La donna ha riferito che il convivente, un 36enne romano agli arresti domiciliari, l’aveva ripetutamente colpita con calci e schiaffi a seguito di una lite per motivi di gelosia e di subire continue violenze e vessazioni.

In casa era presente anche l’aguzzino che, in uno stato di forte agitazione e nonostante la presenza degli agenti, continuava ad insultare la donna. L’uomo che aveva, inoltre, cercato di strappare il cellulare alla donna durante la chiamata al numero di emergenza, è stato arrestato con l’accusa di maltrattamenti e portato a Regina Coeli, mentre la donna è stata dimessa dall’ospedale con una prognosi di 10 giorni.








<
>
Sport
Calcio a 5
Per lui esperienze importanti a Ciampino
Serie B. La Fortituto Futsal Pomezia prepara il colpo Alessio Lemma
Sport
Non più snobbato dal piccolo schermo
Campionati fermi: se vi manca il calcio, ci pensano le serie Tv
Calcio Serie D
Parla il centrocampista Flavio Mattia
Aprilia Racing, "C'è tanta voglia di tornare in campo"
Calcio a 5
L'intervista al DS Stefano Rocchi
Serie A2, la Mirafin pensa già al futuro
Calcio Eccellenza
Gli ospiti vincono 3-0
Girone A. L'Anzio Calcio cede al Monterotondo Scalo
Calcio Serie D
A via Varrone termina 0-0
Girone E. Pomezia Calcio a reti bianche contro il Flaminia









Antidoto nei “gemellaggi” mondiali
I ‘focolai’ da spegnere e il fuoco della Vita