I movimenti per l'acqua insorgono

Rincari Acea in emergenza Covid: «Ingiustificati, serve tariffa di quarantena»

Il Forume dei movimenti per l'acqua chiede di fermare le dispersioni di acqua buona, anziché dare agli utenti acqua di fogna "potabilizzata"
Gli attivisti per l'acqua bene comune brindano ironicamente con l'acqua marrone del Tevere, che Acea vuole dargli da bere con il 'potabilizzatore' (foto repertorio)
< >

Acea rincara, i cittadini attivi rilanciano: prorogare il blocco dei distacchi, far pagare solo la voce consumi e niente altro in bolletta, applicare la tariffa “di quarantena” cioè uno sconto in questo complicato e difficile periodo e altri accorgimenti a tutela della popolazione. L'arrivo delle nuove bollette di Acea rincarate fa scattare ancora di più la reazione di cittadini e associazioni a tutela della risorsa idrica come bene comune, che rilanciano le loro richieste di sana ed efficiente gestione e iniziative di equità sociale in vista della prossima assemblea dei soci della società in mano al Comune di Roma per il 51%. Non solo, il Forum dei movimenti per l'acqua ha anche scritto alla sindaca romana, Virginia Raggi, all'Assessore al Bilancio e al coordinamento strategico delle Partecipate Gianni Lemmetti e a tutti i membri dell'Assemblea Capitolina chiedendo anche “una inversione globale della strategia aziendale verso la promozione di un governo dei servizi pubblici e dei beni di primaria necessità vicino ai cittadini: che restituisca il ruolo di gestione del servizio idrico e degli altri servizi a forme aziendali di diritto pubblico”. Al Campidoglio – socio di maggioranza della Spa - chiedono di muoversi concretamente per tutelare i cittadini come “garante del soddisfacimento dei bisogni primari della collettività, in occasione della prossima assemblea degli azionisti convocata per il 29 maggio 2020”.

«FACCIA TOSTA: RINCARI IN PIENA EMERGENZA COVID"

“Occorre avere una bella faccia tosta per incrementare le bollette dell'acqua in piena emergenza da Coronavirus, come ha fatto ACEA sulla base di una delibera di Novembre 2019”, tuona il Forum. Si tratta di “un aumento giustificato da nessun miglioramento tangibile del servizio – lamentano gli attivisti -, ma solo finalizzato ad accrescere gli utili degli azionisti. Un incremento, avallato da ARERA, la famigerata Authority che ha stabilito, tra l'altro, il blocco dei distacchi solo fino al 17 Maggio sempre in barba all'emergenza ancora in corso”. Nel mirino del Forum c'è anche il gravissimo problema della carenza idrica, a cominciare dalla Capitale.

"POTABILIZZATORI" DI ACQUA INQUINATISSIMA?

“Altro tema su cui dovrebbe impegnarsi ACEA – affermano i cittadini per l'acqua bene comune - è quello di organizzarsi per la scarsità idrica collegata all’emergenza climatica ormai conclamata, piuttosto che “scoprire” ogni estate che le falde idriche sono sempre più in sofferenza. Crisi idriche che evidentemente non si affrontano certamente procurando disastri ambientali come avvenuto al lago di Bracciano nel 2017 così come ha rilevato, in una recente sentenza, il Tribunale di Civitavecchia né tanto meno costruendo costosissimi potabilizzatori delle acque del Tevere che si intende dar da bere ai cittadini ed alle cittadine della Capitale!”. La dura critica tira punta il dito anche contro il megaprogetto scoperto e reso noto dal giornale Il Caffè a luglio 2018: l'impianto per “potabilizzare” l'acqua del fiume Tevere, deciso in fretta e furia. Costruito in località Grottarossa, a Roma nord, ora ha anche un primo ok dalla Regione Lazio. Intanto Acea ha intenzione di realizzare un secondo “potabilizzatore”, 5 volte più grande (2.500 litri al secondo). Il piano Acea intende dare l'acqua del Tevere non solo a Roma, ma all'inte ambito idrico Ato2 compresi tutti i comuni dei Castelli Romani, più Ardea e Pomezia: quasi 4 milioni di cittadini su 6 milioni di residenti nel Lazio.

«INVESTITE SULLE RETI COLABRODO»

“La via maestra – suggerisce il Forum dei movimenti per l'acqua - è un'altra e consiste nello stanziamento di risorse per risolvere il problema della dispersione idrica che è del 41,3%, secondo gli ultimi dati disponibili del 2018 (44%, risulta al Caffè, ndr). Acea e il Comune di Roma avevano dichiarato nel 2016 di voler intervenire sulla rete idrica romana varando un progetto di ripristino delle condotte, e di provvedere alla manutenzione delle protezioni catodiche, al fine di risanare le perdite sulla rete. Tuttavia -ricoRdano gli attivisti romani -, il management, non ha dato corso ai buoni propositi sbandierati anche a livello politico nella campagna elettorale per le elezioni comunali, ossia reinvestire i profitti per la progressiva riduzione delle perdite, causando lo spreco di una risorsa preziosa come è l’acqua di Roma considerata una delle migliori acque d’Europa. È questo che i cittadini e le cittadine si aspettano dall'assemblea degli azionisti convocata per il 29 Maggio. I soldi ci sono: basta non distribuire dividendi ai privati nel 2020”.

AGEVOLAZIONI, ESENZIONI E NIENTE DISTACCHI

Mentre si apprende che l'amministratore delegato di Acea Spa, Stefano Donnarumma lascia la carica con un buono uscita di 996mila euro dopo 3 anni, il Forum dei movimenti per l'acqua chiede le seguenti misure di equità sociale a Roma Capitale:

- lo stop alla distribuzione dei dividendi ai privati per il 2020. Stiamo parlando di ingenti risorse (nel 2019 il dividendo di ACEA è stato di circa 151 milioni di €) che potrebbero essere utilizzate per finanziare investimenti che sappiamo essere estremamente necessari visto che la rete idrica romana ha perdite del 41,3% (dati 2018).

- il riallaccio di tutte le utenze domestiche disalimentate e ancora oggi senza accesso alla fornitura d’acqua, di gas ed energia elettrica;

Più in generale chiedono alla Sindaca di Roma Capitale e a tutta l'Amministrazione Capitolina di mettere in campo tutte le iniziative utili per richiedere al Governo e ad ARERA, l'Autorità di regolazione del settore idrico:

- l'applicazione della tariffa di quarantena, ossia l'applicazione della tariffa agevolata alle utenze domestiche fino al termine dell’emergenza sanitaria ed econonomica;

- l’esenzione del pagamento per gli utenti che non hanno reddito con un ampliamento dei criteri già previsti nella disciplina del Bonus idrico ed energetico;

- il pagamento dei soli costi vivi di consumo, al netto degli oneri fissi in bolletta.








<
>
Sport
Calcio a 5
Per lui esperienze importanti a Ciampino
Serie B. La Fortituto Futsal Pomezia prepara il colpo Alessio Lemma
Sport
Non più snobbato dal piccolo schermo
Campionati fermi: se vi manca il calcio, ci pensano le serie Tv
Calcio Serie D
Parla il centrocampista Flavio Mattia
Aprilia Racing, "C'è tanta voglia di tornare in campo"
Calcio a 5
L'intervista al DS Stefano Rocchi
Serie A2, la Mirafin pensa già al futuro
Calcio Eccellenza
Gli ospiti vincono 3-0
Girone A. L'Anzio Calcio cede al Monterotondo Scalo
Calcio Serie D
A via Varrone termina 0-0
Girone E. Pomezia Calcio a reti bianche contro il Flaminia