I Residenti sono esasperati

A Val Melaina il virus non ha fermato il degrado

La cassetta destinata alla Spesa sospesa riempita di rifiuti

Nemmeno l'epidemia di Coronavirus ha arginato gli atti vandalici che da mesi si susseguono senza sosta nei pressi della stazione della metropolitana Jonio, capolinea della Linea B1. Non sono bastati gli assembramenti molesti che, per l'intera durata del lockdawn, hanno messo a dura prova la pazienza dei residenti della zona, già preoccupati, tra l'altro, per il cluster epidemiologico relativo all'Ateneo Salesiano; nelle ultime settimane, ad aggravare la già delicata situazione, sono stati i danneggiamenti subiti dalle automobili parcheggiate in via Scarpanto e i gesti incivili, perpetrati da ignoti, che non hanno risparmiato nemmeno l'iniziativa solidale della “Spesa sospesa”. In più di un'occasione, infatti, le cassette situate nei pressi di piazza Val Melaina, tra via Stampalia e via Gorgona, utilizzate per raccogliere beni di prima necessità da destinare alle persone più bisognose, sono state riempite con bottiglie di birra vuote, lattine e cartacce. Un autentico sfregio alla solidarietà dell'intero quartiere.

L’esasperazione dei cittadini – A pronunciarsi, tra rabbia ed incredulità, sono stati gli stessi cittadini, attraverso i comitati di zona: “Siamo sconcertati, per tutto il tempo in cui sono state in vigore le restrizioni imposte dal Governo per bloccare il diffondersi dell'epidemia di coronavirus si sono verificati innumerevoli casi di assembramenti non autorizzati – affermano i residenti – con persone che bivaccavano indisturbate nelle vicinanze della metro B1 Jonio e nel piccolo parco situato di fronte alla stazione. Troviamo onestamente inaccettabile – continuano i rappresentanti dei comitati locali – che mentre molti di noi erano chiusi in casa senza possibilità di uscire, incerti sul futuro e spesso con gravi disagi economici, altri si divertivano, evitando i controlli e facendosi perfino beffe del nostro impegno sociale. Sarebbe ora che le istituzioni competenti – concludono i residenti – iniziassero ad intervenire con maggiore serietà per ripristinare decoro e legalità in quest'angolo del Municipio che da mesi è sempre più abbandonato”.

I mancati interventi di riqualificazione – La situazione inerente al parco di piazza Val Melaina e alle zone limitrofe, come sottolineato proprio dagli uffici di piazza Sempione, è tuttavia estremamente complessa, nonché difficilmente gestibile dal solo Municipio III; dopo la spostamento del mercato locale in via Conti, operato nel lontano 2001, la società Plauto Srl ha infatti realizzato un grande parcheggio interrato, in attuazione di una convenzione stipulata assieme al Comune di Roma, che prevedeva un intervento da parte del privato atto a pavimentare lo slargo superiore, attrezzandolo con aree verdi, panchine e giochi per bambini. L'azienda, in una fase successiva, avrebbe poi dovuto restituire lo spiazzo al Comune, mantenendo in ogni caso l'obbligo di manutenerlo e pulirlo per 25 anni. Sebbene l'area sia stata sistemata come da progetto, nel corso degli anni non sono mai stati effettuati gli interventi di riqualificazione previsti, anche a causa del fallimento della stessa società privata. Andrea Lepone








<
>
Sport
Calcio a 5
Per lui esperienze importanti a Ciampino
Serie B. La Fortituto Futsal Pomezia prepara il colpo Alessio Lemma
Sport
Non più snobbato dal piccolo schermo
Campionati fermi: se vi manca il calcio, ci pensano le serie Tv
Calcio Serie D
Parla il centrocampista Flavio Mattia
Aprilia Racing, "C'è tanta voglia di tornare in campo"
Calcio a 5
L'intervista al DS Stefano Rocchi
Serie A2, la Mirafin pensa già al futuro
Calcio Eccellenza
Gli ospiti vincono 3-0
Girone A. L'Anzio Calcio cede al Monterotondo Scalo
Calcio Serie D
A via Varrone termina 0-0
Girone E. Pomezia Calcio a reti bianche contro il Flaminia


900mila € per la rete idrica di Roma
Acea, via alla manutenzione dell’acquedotto

Sale la tensione tra i grillini
L’M5S blinda la ricandidatura della Raggi





















Non mancano le polemiche per il bando
Ad Ostia arrivano i chioschi bar a forma di frutta