Condannato a 9 anni Sergio Gangemi

Estorsione e spari tra Aprilia e Pomezia: confermata l'aggravante mafiosa

Nove anni di reclusione. Questa la condanna inflitta dal Tribunale di Velletri a Sergio Gangemi, calabrese trapiantato ad Aprilia, accusato di essere il mandante di estorsioni portate avanti con metodo mafioso ai danni di due imprenditori di Aprilia e Torvaianica. Una decisione presa dai giudici dopo dieci ore di camera di consiglio. Alla luce delle indagini svolte dai carabinieri, nell’ambito di un’inchiesta portata avanti dall’Antimafia di Roma, il condannato, insieme a Giampiero Gangemi, Patrizio Forniti, di Anzio, e Mirko Morgani, di Latina, avrebbe tormentato per quattro anni le vittime. Indagini partite dopo che, il 31 luglio 2016, i carabinieri intervennero in via Poggio Paradiso, a Pomezia, dove un imprenditore riferì loro di aver sentito esplodere dei colpi d’arma da fuoco contro la sua abitazione. Gli investigatori trovarono subito nei pressi di uno dei cancelli di accesso alla casa 28 bossoli calibro 223 Remington. L’imprenditore, impegnato nel campo delle energie alternative, sostenne inizialmente di non riuscire a darsi una spiegazione dell’accaduto, ma poi pian piano iniziò a parlare, riferendo agli investigatori dei problemi suoi e di un suo socio in affari con la famiglia Gangemi di Aprilia, che avrebbe chiesto loro 25 milioni di euro a fronte di un prestito di 13 milioni. Parlò di grossi acquisti di prodotti di elettronica fatti all’estero utilizzando capitali di soci occulti, appartenenti a contesti malavitosi, poi rivenduti in Italia alle catene di distribuzione commerciale, e sottolineò che a suo parere il gesto intimidatorio era probabilmente opera della nota famiglia calabrese. Riferì inoltre di un primo attentato nel 2014 ai danni del suo socio in via Cagliari, ad Aprilia. Aggiunse che i Gangemi avevano iniziato a minacciare anche lui e che a nulla era servito aver versato loro ingenti somme. Specificò infine che ignoti lanciarono in precedenza due bombe nel giardino della sua abitazione, a Torvaianica, e che aveva saputo che l’attentato era opera di Forniti. Rinviati a giudizio, i quattro hanno scelto strade diverse. Sergio Gangemi ha infatti deciso di rinunciare a tutti i testimoni e per lui è arrivata la sentenza, mentre per gli altri il giudizio è ancora in corso davanti al Tribunale di Velletri. Sempre per Sergio Gangemi, inoltre, la condanna è stata disposta per l’estorsione, ma è stato assolto dall’accusa di usura. Respinte inoltre le richieste di risarcimento avanzate dai Comuni di Aprilia e Pomezia, che si sono costituiti parte civile tramite gli avvocati Luigi Leoncilli e Giulio Vasaturo.








<
>
Sport
Calcio Eccellenza
Espugnato 3-1 il campo dell'Itri
Centro Sportivo Primavera, il debutto in Eccellenza è da urlo
Sport
Il neroniano si è imposto negli Under 23
Ciclocross. Antonio Folcarelli trionfa a Civitavecchia
Basket Maschile
Intervista al Presidente Fabrizio Monni
Riparte la stagione della Virtus Pomezia Basket con il sogno C Silver
Volley Femminile
Esordio il 7 Novembre con la Fenice
Serie B2. Si alza il sipario sulla stagione della United Volley Pomezia
Calcio Eccellenza
In Coppa Italia ci sarà la Luiss
Anzio Calcio, esordio in campionato il 27 settembre a Tor Sapienza
Calcio Eccellenza
Sempre in movimento il club di Valle
L'Unipomezia sbarca su Instagram e ha già una follower di lusso…
Calcio a 5
La squadra si è ritrovata il 24 Agosto
Città di Anzio Calcio a 5, si alza il sipario sulla nuova stagione
Calcio Eccellenza
Il bomber è sempre più un punto fermo
Centro Sportivo Primavera, riscattato Kevin Carlino a titolo definitivo
Calcio Serie D
La rosa di Bussone ora è al completo
Team Nuova Florida, dal Portici arriva l'attaccante Ciro Coratella
Calcio Promozione
Per lui un passato anche in Serie B
Colpaccio Virtus Ardea: il super Bomber Marco Ascenzi ha detto si